Come ottimizzare la HomePage del tuo sito web

Il sito web è sicuramente uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione quando si avvia un’attività fotografica ed è altrettanto indubbio che tutti i professionisti ci dedicano una buona dose di tempo nella sua realizzazione.

Ho deciso tuttavia di documentarmi per individuare degli aspetti che spesso vengono trascurati e che, se migliorati, possono portare ad un miglioramento incredibile dell’esperienza nel visitatore.

ASCOLTA LA PUNTATA PODCAST

Clicca sul player per far partire il podcast oppure:

❤️ Vuoi diventare un produttore del PodCast e scoprire tutti i vantaggi? Scopri il progetto su Patreon (clicca qui)

💬 Vuoi farmi una domanda? Contattami su Telegram cliccando qui.

Se i miei podcast ti piacciono ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai ogni settimana una mail con il riepilogo delle puntate, video ed articoli pubblicati! Per secondo troverai nelle prime mail dei materiali gratuiti da scaricare!. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »


MANTIENI IL TUO TESTO NITIDO E CONCISO

Devi partire dal presupposto che la merce di scambio di oggi non è più il “denaro” ma piuttosto il “tempo”. 

Per questo motivo è fondamentale che tu dia la seria importanza a questa cosa che è il tempo, ma non il “tuo tempo” (questo è un altro discorso), ma piuttosto al tempo delle altre persone.

Devi rispettare il tempo delle altre persone.

Per questo motivo quando vai ad inserire nel tuo sito, nella home-page, una presentazione di chi sei e cosa fai, è fondamentale che tu sia super nitido e super conciso.

Qualsiasi sia la cosa che devi dire, devi dirla in modo ottimale. Devi, come si usa dire, “scrivere bene”.

Scrivere bene significa eliminare dal testo tutto ciò che può essere eliminato senza sacrificare il significato di una frase.

La prassi è quindi quella di buttare giù un testo e poi procedere con una prima ottimizzazione del testo eliminando il superfluo.

Ma non finisce qui!

Quando hai terminato questa prima revisione, o pensi che sia finita, devi ridurla della metà!

Se hai già fatto un buon lavoro prima allora limitati a ridurla di un altro pò, anche se non è proprio la metà, ma l’importante è che tu faccia questa operazione, senza trovare scuse o lamentarti. Alla fine, credimi, ne vedrai i risultati.

I FONT

A questo punto è importante dare il giusto peso anche ai Font. Se non sai cosa sono i “font” allora fai una ricerca su Google, ma per essere veloci considera che i Font sono lo “stile del carattere di testo” che usi sul tuo sito web.

Fa già una grandissima differenza usare un Times New Roman rispetto ad un Helvetica quando scrivono lettere o mail, anche se la stragrande maggioranza delle persone non si preoccupa di questo, figuriamoci in un sito web che è la “copertina” della tua immagine.

I tuoi font sono il tuo tono di voce e dovrebbero essere scelti per definire le tue caratteristiche e la tua personalità.

Attenzione anche a come mescoli i font. Ho visto siti web dove venivano usati 4-5 font differenti, uno per il titolo… uno per il testo… uno per le citazioni e uno magari per una call-to-action.

Spesso usati alla CDC (cazzo di cane) un pò come se l’autore avesse cercato un pò a caso il font nel suo computer che gli piaceva di più.

Un obbrobrio inguardabile.

Usa al massimo due font differenti. E basta.

Ultimi consigli sul testo e font sono questi:

  • se usi due font allora dedicane uno ai titoli e uno al corpo del testo, non mescolare le cose;

  • Se il font del testo è molto “fantasioso” (corsivi particolari o particolarmente elaborati) allora il corpo del testo deve essere in un carattere opposto, ovvero semplice.

  • Se vuoi usare colori differenti differenzia sempre il titolo dal corpo e nel corpo, al massimo, dai il colore al testo in grassetto.

  • Ultimo consiglio, il più importante, accertati che il testo sia ben leggibile sia su smartphone che su vari computer e monitor differenti. Non fare l’errore di basare l’estetica esclusivamente su come lo vedi nel “tuo” computer. Non ci vuole molto ma il risultato è estremamente diverso se vedi delle carenze e le sistemi.

IL PORTFOLIO

Mentre mi stavo documentando sui suggerimenti da poterti trasmettere attraverso questa puntata e questo argomento, sono incappato in una frase molto interessante:

il tuo portfolio è forte quanto l'immagine più debole

Questa frase, che sono sicuro diventerà uno dei miei nuovi mantra preferiti, mi ha fatto riflettere moltissimo perché alla fine dice tutto quello che serve e che, in fondo, già sapevo.

Non ha senso creare delle gallery con 100 foto. Anche se hai 80 di straordinarie ne bastano 20 di scarse per appianare la media

Hai mai sentito parlare della regola 80/20? Un giorno te ne parlerò.

Devi essere estremamente critico con le tue foto, estremamente cattivo ed estremamente deciso nel cancellare quelle che non rappresentano il meglio di te.

L’ideale è procedere per gradi facendo cernite una sull’altra eliminando pian piano tutte le foto che non hanno quel che si dice “fattore wow”.

Se non impari ad eliminare le foto che non sono “wow” ti ritroverai un portfolio composto da delle immagini che attenuerebbero l’impatto delle foto più “valide”.

LE GALLERY

Come si struttura una gallery nel tuo sito web?

Tutto parte dal concetto iniziale “non devi far perdere tempo all’osservatore”, quindi puoi decidere di riunire le immagini in una sola galleria oppure dividerle in serie.

Se opti per dividerle in serie, magari per differenziare la tipologia di lavori che sei in grado di fare, devi assicurarti che ogni serie sia composta da un numero sufficiente di immagini (immagini wow ovviamente!).

Se ti ritrovi con una o più serie composte da 2-3 immagini non va bene, pertanto in quel caso cerca di combinale tra loro per creare una serie che magari è diversa da quelle che avevi pensato prima ma nella quale le immagini possono convivere con una logica.

Questo sarà particolarmente utile specie all’inizio, quando non hai ancora fatto tanti lavori e quindi non hai un portfolio composto da molte foto “wow” da poter suddividere in varie serie.

OTTIMIZZA TUTTO

A questo punto siamo arrivati quasi alla fine. Una volta fatti tutti passaggi sopra è necessario vedere ed ottimizzare il tutto.

Facciamo un quiz da “chi vuol essere milionario”: secondo te qual è lo strumento che usano il 90% delle persone per navigare online e quindi guardare i siti web?

Ti do alcune opzioni:

  • A. Un piccione viaggiatore

  • B. La PlayStation

  • C. Gli internet point

  • D. Tablet e smartphone

Se hai risposto con la lettera “D” complimenti! Hai appena vinto 1 milione di fantaeuro.

A parte gli scherzi, mi pare evidente che la questione sia piuttosto scontata ma proprio per questo devi preoccuparti se non hai mai fatto attenzione a questo aspetto.

Devi fare attenzione a come “appare” il tuo sito web quando guardato attraverso uno smartphone o un tablet.

Attenzione però! Non basta accertarsi che il sito web e tema usato sia “responsive”. Questo termine è stato stra-abusato a tal punto da farlo percepire come sinonimo di “sito web ottimizzato per la visione su mobile (tablet/smartphone)”.

In realtà non è corretto. Responsive significa semplicemente che la grafica del sito web si “adatta” all’interfaccia tipica di uno smartphone o tablet, ma non significa che sia “ottimizzato”, ovvero non ti da la garanzia che il tuo sito web sia comodo da visitare attraverso questi terminali.

Sarebbe una bella fregatura se il tuo bel sito web non fosse comodo da vedere dopo tutta questa fatica nell’ottimizzazione del testo, cernita foto ecc…

Quindi? Come si fanno le verifiche?

È molto semplice. Devi semplicemente ridurre la grandezza della pagina del tuo browser quando guardi il tuo sito web e, come per magia, noterai come si adatta e come vengono visualizzate le tue gallery i testi ecc…

A questo punto, se noti cose da sistemare, devi verificare se sono aspetti che puoi modificare in modo autonomo agendo sulle impostazioni del tuo sito web o se devi affidarti ad un web-designer. Ma questo è un altro discorso.

Ad ogni modo ricorda che non devi essere perfetto. Il perfezionismo affossa i progetti e se ti soffermi troppo nel voler eliminare ogni minimo difetto non ti butterai mai… quindi non farti tanti scrupoli, se vedi che il progetto ti soddisfa allora pubblica il sito.

Le modifiche ed ottimizzazioni puoi comunque farle in corso d’opera. 

// Active Campaign