Far percepire la distanza in una foto con la composizione

Quando si parla di fotografia tutti, tu compreso, abbiamo ben chiaro che si tratta di immagini bidimensionali ed infatti sappiamo altrettanto bene che esistono delle fotocamere, cinema e TV predisposte invece per catturare e rappresentare le immagini in 3D.

Ancora più tangibile il fatto che in realtà ciò che vediamo ad occhio nudo è TRIDIMENSIONALE (questo perché abbiamo due occhi ad una certa distanza tra loro che catturano la scena da due prospettive diverse ed il cervello, analizzando le immagini, riesce a farci percepire il senso di distanza tra il soggetto più vicino e quello più lontano).

Constatata questa enorme differenza, è possibile in fotografia illudere o far percepire all’osservatore il senso di profondità senza dover ricorrere ad effetti speciali o a sistemi di visione 3D?

Si… si può fare attingendo ad un uso ragionato della PROSPETTIVA.

ASCOLTA LA PUNTATA PODCAST

Clicca sul player per far partire il podcast oppure:

❤️ Vuoi diventare un produttore del PodCast e scoprire tutti i vantaggi? Scopri il progetto su Patreon (clicca qui)

💬 Vuoi farmi una domanda? Contattami su Telegram cliccando qui.

Se i miei podcast ti piacciono ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai ogni settimana una mail con il riepilogo delle puntate, video ed articoli pubblicati! Per secondo troverai nelle prime mail dei materiali gratuiti da scaricare!. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »


COS’È LA PROSPETTIVA?

Se devo spiegare la prospettiva ad un bambino gli dico semplicemente che la prospettiva è il “punto di vista dal quale osserva il mondo” e poi gli farei fare questi tre esercizi. Anzi… falli anche tu!

  • Prima di tutto osserva la stanza nella quale ti trovi stando in piedi.

  • Ora distenditi per terra con la pancia in giù e guardati attorno.

  • Per finire di sali sopra una sedia ed osserva.

Non hai forse visto la stessa stanza in 3 modi completamente diversi tra loro?

Ecco… questa è prospettiva: ottieni 3 risultati diversi semplicemente cambiando il “punto di vista” dalla quale osservi il mondo.

Ora andiamo più sul tecnico e vediamo che tipo di prospettive esistono in natura e che puoi sfruttare per far percepire un senso di tridimensionalità all’osservatore.

PROSPETTIVA PIU’ OVVIA: LINEARE

Il metodo più ovvio per far percepire il senso di profondità è quello di fotografare le cose come sono diffrante a te.

Gli oggetti più distanti saranno nella foto “più piccoli” mentre quelli vicini “più grandi” e questo è normalissimo.

Questo metodo è il più semplice ma devi adottare degli accorgimenti altrimenti può risultare vana come tecnica:

  • Il primo tra tutti è quello di sfruttare la prospettiva lineare solo per elementi di cui è “nota” la grandezza nell’immaginario comune. Una nave da crociera è nell’immaginario comune “gigantesca”, pertanto è assolutamente normale percepire in una foto del mare con la nave sull’orizzonte un senso di “distanza” e profondità della scena. Se fai la stessa cosa con elementi di cui nessuno sa bene la grandezza e facile ottenere un risultato pessimo.

  • Il secondo accorgimento che devi adottare è quello di mettere sempre un soggetto interessante in primo piano che si contrappone con il secondo sullo sfondo e distante. Anche il primo deve essere qualcosa di cui la gr 

Adottando questi due stratagemmi è facile ottenere un’immagine che trasmette facilmente un senso di tridimensionalità e profondità all’osservatore.