Fotografare il tramonto: suggerimenti e consigli

Come tornare da un viaggio senza aver scattato una impressionante versione del tramonto? I suoi ricchi colori, l’illuminazione drammatica e la forza che riesce ad imprimere agli elementi presenti sulla scena sono tali da rendere irresistibile l’idea di volerne portare a casa almeno un pezzettino…

E cosa c’è di più romantico che soffermarsi a guardare i rapidi cambi di tonalità e le sfumature che si creano nel cielo mentre il sole sta calando?

Tramonto

Da sempre il tramonto viene associato alla bellezza della natura, al fascino, alla spontaneità dei colori, alla calda atmosfera che riesce a creare intorno a sé.

Che sia sul mare o dietro le montagne, riuscire a cogliere il sole durante il topico istante in cui lascia spazio all’arrivo della sera è una tra le esperienze fotografiche più appassionanti che esistano.

Non è necessario andare molto lontano, ne attendere troppo che il fenomeno si verifichi: il tramonto rappresenta uno dei soggetti preferiti dai fotografi in qualsiasi momento dell’anno ed in qualsiasi ambiente e l’aspetto ancora più interessante è che si palesa ai nostri occhi tutti i santi giorni!

Senza grandi sforzi, ma con un minimo di pianificazione e seguendo qualche piccolo suggerimento, è possibile ottenere scatti davvero mozzafiato di questo quotidiano evento.

Per riuscire nell’impresa di catturare un’immagine che non risulti una pallida imitazione dell’originale, è necessario però, prima di tutto, regolare al meglio la macchina fotografica per sfruttarne al massimo le potenzialità. Spesso, infatti, la fretta è cattiva consigliera e puoi rischiare di perdere le condizioni migliori per lo scatto se non hai tenuto conto di alcuni semplici aspetti.

Prima di iniziare, specie se è la prima volta che leggi il mio blog, ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, delle guide per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

QUALCHE SUGGERIMENTO PRIMA DI INIZIARE

Tramonto

Anche se a volte meravigliosi scatti del tramonto possono essere ottenuti spontaneamente, senza alcuna preparazione, non si può sempre contare su un colpo di fortuna e di sicuro pianificare la tua composizione fotografica aumenterà le probabilità di successo.

Se hai del tempo a disposizione (magari sei vacanza oppure riesci a ritagliarti qualche serata libera), un primo suggerimento è quello di scegliere con cura il luogo in cui vuoi fotografare il tramonto.

Qualche giorno prima di iniziare le riprese puoi cercare una zona particolarmente interessante in cui non solo si possa vedere il sole che arriva giù fino in fondo, ma anche dove ci sia l’opportunità di includere elementi in primo piano e sagome.

I classici tramonti già visti e rivisti non suscitano più abbastanza emozioni come invece potrebbe fare un tramonto più originale, che colga aspetti insoliti dell’ambiente o che catturi sfumature particolarmente inusuali.

Scoprirai, leggendo questo articolo, che l’impostazione di alcuni parametri della fotocamera e la scelta della tua posizione per lo scatto sono elementi centrali che fanno la differenza e che non dipendono da imponenti attrezzature fotografiche.

Tramonto

La chiave di volta per la gestione delle impostazioni della fotocamera riguarda la possibilità di riuscire a catturare i colori del tramonto così come appaiono ai tuoi occhi e non come la fotocamera ‘pensa’ che debbano essere. A volte, ad esempio, è necessario regolare le impostazioni di esposizione di base per adattarle alle condizioni della scena, soprattutto in situazioni di illuminazione estreme. Quindi vedrai che ci saranno alcune fondamentali impostazioni da settare, tra cui il bilanciamento del bianco, il controllo dell’immagine e l’ISO.

Ricorda che, se utilizzi un treppiede non devi scegliere la modalità Auto per l’ISO, mentre invece è necessario impostarla se scatti a mano libera, in quanto i livelli di luce ed i tempi di posa possono cambiare molto velocemente e la fotocamera ti aiuterà a ripristinare i livelli migliori.

Infine, come di certo saprai, molte fotocamere possiedono un’apposita modalità chiamata appunto “Tramonto” (o Sunset): se non ti disturba l’idea di affidarti agli automatismi, è un ottimo modo per risparmiare tempo ed energie.

Se, invece, per te fotografare è anche un modo per mettere alla prova le tue capacità tecniche e punti ad ottenere sempre qualcosa di unico ed introvabile allora continua a leggere per scoprire come fare nel dettaglio. La soddisfazione di aver impostato manualmente la tua macchina fotografica e di aver trovato le condizioni ottimali per lo scatto non ha prezzo!

Allora come ti sembra questo articolo? Ti piace? Perché non lo condividi con i tuoi amici o sul tuo social network preferito? Aiuterai sia il blog a crescere e potresti suggerire qualcosa di interessante a chi ti sta attorno!

COMPENSAZIONE DELL’ESPOSIZIONE

Tramonto

Quando si tratta di tramonto non vi è alcuna esposizione che possa definirsi ‘corretta’! Essa dipende molto dal tipo di scatto che si vuole ottenere: due persone possono fotografare lo stesso tramonto nello stesso identico istante e finire con l’ottenere risultati completamente diversi, ma entrambi efficaci.

Il consiglio principale che posso dare è quello di prendere l’esposizione della parte colorata del cielo su entrambi i lati del sole, escludendo quest’ultimo dalla misurazione.

Ciò significa misurare l’esposizione utilizzando il metodo SPOT e fare una media tra le diverse letture esposimetriche delle porzioni di cielo.

Alcuni fotografi amano sottoesporre di uno o due punti così che l’immagine complessiva finisca con l’avere un look più scuro. Quindi vale la pena di sperimentare più opzioni per trovare la propria chiave di successo: a seconda di quale parte del cielo si prende per l’esposizione e in base al grado di sottoesposizione, lo scatto si tradurrà in diversi colori visibili nel cielo.

Sottoesporre. Questo è l’elemento che può realmente fare la differenza nella foto di un tramonto. Sottoesponendo leggermente il tramonto i colori appaiono più ricchi e definiti e tutta la scena diventerà più drammatica.

È possibile sottoesporre utilizzando la modalità manuale e selezionando una velocità di ripresa oppure si può scattare in priorità di apertura e utilizzare la compensazione sull’esposizione. Un altro trucco per l’esposizione è quello di utilizzare “il blocco dell’esposizione” se la tua macchina fotografica lo possiede, perché consente di puntare la fotocamera in un luogo più scuro e bloccare l’esposizione per quel punto (per esempio, si potrebbe puntare a terra di fronte a te) e poi ricomporre l’immagine guardando il tramonto.

LUNGHEZZA FOCALE PER IL TRAMONTO

Tramonto

Quando stai fotografando un paesaggio avvincente al tramonto, ti suggerisco di scegliere una lunghezza focale grandangolare tra i 24 millimetri e i 35 mm.

Il sole sarà relativamente piccolo nell’immagine, ma riuscirai a catturare la bellezza del paesaggio e le eventuali nubi presenti nel cielo. Inoltre, la fotocamera non deve compensare una vasta gamma dinamica perché il sole rimane una piccolissima parte rispetto all’interezza dell’immagine.

Per ottenere qualcosa di diverso puoi provare a fotografare il tramonto con un teleobiettivo a partire da un minimo di 300 mm di focale. In questo caso, il sole sarà molto più grande nella tua immagine mentre le altre parti della scena risulteranno compresse, facendole apparire più vicine alla telecamera di quanto lo siano realmente.

Se la fotocamera dispone della modalità Live View, vale la pena attivarla e comporre la scena utilizzando il monitor LCD. Ma attenzione a non usarlo più di quanto non sia necessario: l’esposizione prolungata al sole può danneggiare il sensore della fotocamera, soprattutto quando si utilizza un teleobiettivo.

MESSA A FUOCO SUL TRAMONTO

Anche la messa a fuoco non deve essere data per scontata. Riuscire a trovare un certo grado di discontinuità nel cielo affinché la fotocamera riesca automaticamente a mettere a fuoco può a volte diventare un’impresa impossibile. In questo caso meglio mettere a fuoco manualmente con aperture ridotte di diaframma (comprese tra f/9 ed f/11) per assicurarti di riuscire ad ottenere una composizione omogenea tra i piani. Se l’idea è quella di rappresentare un’ampia profondità di campo si può impostare l’apertura su f/16; quando invece preferisci lasciare che il tramonto costituisca lo sfondo su cui far risaltare un’immagine in primo piano o una silhouette meglio impostare un diaframma f/5,6.

SENSIBILITÀ ISO

Tramonto

Il valore più basso possibile di ISO è quello che può esserti più utile: un numero variabile tra 100 e 400 è il valore da cercare quando la luce è ancora abbastanza forte nel cielo. Se, invece, il sole è già tramontato e si vogliono cogliere le ultime scie di sfumature colorate bisogna ulteriormente aumentare la sensibilità. In questo secondo caso puoi utilizzare un treppiede (clicca qui per avere un aiuto sulla scelta) per migliorare la tua composizione fotografica.

STRUMENTI UTILI

Una delle difficoltà maggiori, anche se sembra una cosa semplicissima, consiste nel riuscire a beccare il momento giusto (l’orario per capirci!) per fotografare. A volte si arriva sul luogo troppo presto, mentre altre volte rischi di arrivare troppo tardi. Per fortuna esistono delle app. molto interessati che ti permettono di determinare facilmente la posizione del sole in una data ora, di un dato giorno in un dato posto! Ora non hai più giustificazioni! Ecco il link (è gratis!):

In conclusione, ci sono due modi di pensare le immagini del tramonto: vedere il sole nella foto o vedere l’effetto del sole nella foto. I colori del cielo possono essere un’attrazione molto grande dal momento che, mentre il sole cala, la luce cambia così in fretta sui soggetti presenti esaltando forme, ombre, dettagli, texture. Da un momento all’altro le foto possono essere drammaticamente diverse a causa del modo in cui la luce si riflette e per come avvengono i suoi cambiamenti di intensità. Devi reagire rapidamente, con la fotocamera a portata di mano: ricorda che questa non è la solita fotografia di paesaggio in cui ti puoi permettere di stare seduto!

Siamo giunti alla fine del post. Aspetto i tuoi commenti e le tue riflessioni nei commenti…! In più, se l’articolo ti è piaciuto, ti chiedo semplicemente di condividere questo articolo sul tuo social network preferito!