Fotografare la neve o paesaggi invernali innevati

Finalmente è arrivato l’inverno! Presto ci saranno le prime nevicate e tanti paesaggi bellissimi da fotografare. Ma tu sei pronto per fotografare la neve? Sai che è uno degli elementi della natura più difficili da fotografare? Sembra impossibile in un contesto così luminoso, ma questa è una delle situazioni dove l’esposimetro della tua fotocamera va letteralmente in crisi e non riesce a valutare bene le condizioni di luminosità.

Prima di continuare, specie se è la prima volta che leggi il mio blog, ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, dei materiali per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

Fotografare la neve

FOTOGRAFARE LA NEVE ED I LIMITI DELL’ESPOSIMETRO

Quando ti trovi a fotografare in un contesto innevato si sommano due fattori molto importanti:

  • il primo è dato da un’estrema predominante bianca data dalla neve stessa;
  • il secondo è dato dalla luce del sole che, riflessa dal paesaggio innevato, da l’impressione che la scena sia molto luminosa.

In realtà la scena non è più luminosa e la luce irradiata dal sole è sempre la stessa, il nostro occhio riesce infatti a concepirlo e farci rendere conto di questa cosa, ma la fotocamera non riesce a comprenderlo. Per questo motivo va in crisi.

Quando ti ritrovi a dover scattare in una situazione con una così alta predominante bianca non puoi fare affidamento all’esposimetro, perché andrà ad impostare dei parametri di scatto nella fotocamera tali da darti una foto sottoesposta.

Tuttavia, risolvere questa problematica è piuttosto semplice. Necessita solo di un tuo intervento manuale per obbligare la fotocamera a fare una foto più chiara:

devi agire con sulla compensazione dell’esposizione.

Nella tua fotocamera reflex, ma è presente anche nelle compatte, puoi trovare un tasto o una funzione specifica che ti permette di obbligare la fotocamera a fare delle foto più chiare o più scure. Si chiama compensazione esposizione e generalmente questa funzionalità ti permette di variare dei valori nel seguente modo:

  • in positivo (+1.. +2…) indica che la fotocamera realizzerà delle foto più chiare.
  • in negativo (–1.. –2…) indica che la fotocamera realizzerà delle foto più scure.

A questo punto è semplice. Una volta obbligata la fotocamera a fare delle foto più chiare o più scure hai la sicurezza di risolvere il problema del fotografare la neve. L’unica cosa sulla quale devi far attenzione è che questo parametro non si azzera una volta spenta la fotocamera, ma va devi riportarlo al valore iniziale (zero) una volta terminate le foto sulla neve.

Vale ovviamente anche il contrario: se un giorno non riesci a capire per quale motivo la fotocamera ti rende delle foto eccessivamente sottoposte/sovraesposte, controlla che il parametro della compensazione sia al valore iniziale (zero) prima di ricercare altre cause.

IL BILANCIAMENTO DEL BIANCO FOTOGRAFANDO LA NEVE

Un’altro inconveniente nel quale puoi incappare quanto fotografi un paesaggio innevato è quello di ottenere fotografie in cui, invece che bianca, la neve ha delle tonalità e dominanti diverse. Devi pertanto correggere il bilanciamento del bianco. In questo caso, come magari ti viene spontaneo pensare, non bisogna usare un cartoncino grigio neutro (18%), ma va utilizzato un punto di grigio più chiaro che si avvicini al bianco della neve.

La tecnica più rapida e pratica è quella di prendere come riferimento una zona leggermente in ombra della scena.

Fotografare la neve

FOTOGRAFARE LA NEVE E LE CONDIZIONI ATMOSFERICHE

Un’altra difficoltà che dovrai affrontare quanto stai fotografando la neve è l’imprevedibilità del tempo atmosferico.

Potresti ritrovarti a passare in un breve lasco di tempo da una tormenta ad uno squarcio di luce; questo è un fenomeno tipico in questi contesti.

Se ti ritrovi in questa situazione l’attimo migliore si verifica quasi sempre al termine della nevicata, che porta generalmente ad un aumento della luminosità.

LA NECESSITA’ DEL TREPPIEDE

Sembra una condizione strana, ma il treppiede è molto importante in questo tipo di fotografia.

E’ pur vero che in contesti innevati spesso la luminosità è molto buona, sia per le condizioni atmosferiche variabili che per la maggiore diffusione della luce causata dalla neve stessa, tuttavia è il tuo fisico che ti porta a fare degli errori.

In contesti naturalistici come questi quasi sempre le temperature sono molto basse, tuttavia le fotocamere attuali rendono difficile effettuare della fotografia con l’uso dei guanti. Dovendo scattare a mano libera è molto probabile che:

  • tu non abbia molta sensibilità sui comandi
  • tu non abbia molta sensibilità sui tuo movimenti
  • il freddo ti faccia tremare

Tutte queste situazioni non sono favorevoli per la fotografia, anche se con tempi di scatto apparentemente sufficienti per catturare l’immagine a mano libera.

Per eliminare il problema alla radice la soluzione è tra le più semplici: usa un treppiede (o almeno un monopiede) in modo da poter avere il supporto e stabilità necessari per portare a casa degli ottimi risultati.

FOTOGRAFARE LA NEVE, MA NON SOLO

Fotografare la neve

La composizione, sempre e comunque, ma sopratutto quando vuoi fotografare paesaggi innevati, è determinante per la buona riuscita dello scatto:

  • valuta bene la scena perdendo il tempo necessario per trovare il punto migliore nel quale posizionare la fotocamera ed il treppiede.
  • inserisci nell’inquadratura elementi diversi, in modo che creino dei volumi e delle ombre.

Il secondo punto è essenziale perché un paesaggio innevato rischia di risultare eccessivamente piatto e di scarso interesse fotografico se non ci sono elementi interessanti che spaccano il contesto bianco. Un albero che crea un’ombra, oppure un contesto urbano colpito da una tormenta… sono entrambi degli ottimi punti di partenza sui quali puoi lavorare.

I PARAMETRI DI SCATTO

E’ difficile dare dei parametri di scatto universali. Non esistono. Tuttavia posso darti dei punti di partenza sui cui lavorare:

  • Se ne hai uno sfrutta un obiettivo grandangolare in modo da creare un senso di profondità;
  • Imposta la messa a fuoco sugli elementi in primo piano;
  • Usa un tempo di scatto tra 1/60 e 1/30.
  • Usa un diaframma chiuso in modo da dare profondità alla scena (avere tutti i soggetti a fuoco);
  • Se sta nevicando usa anche il flash. Questo ti da modo di ottenere delle foto dove i fiocchi a mezz’aria riflettono la luce creando un effetto molto bello.

Ora non ti resta che attendere una bella nevicata e dare sfogo alla tua creatività!

Siamo giunti alla fine del post. Aspetto i tuoi commenti e le tue riflessioni nei commenti…! In più, se l’articolo ti è piaciuto, ti chiedo semplicemente di condividere questo articolo sul tuo social network preferito!

// Active Campaign