Fuochi d’artificio. Come fotografarli nel modo corretto

PodCast-2.jpg

I fuochi d’artificio mi fanno subito pensare all’estate mi viene in mente il caldo, serate all’aperto, aperitivi, mare e quanto belli sono? Sarà per i colori o per le emozioni primordiali date dal fuoco ed esplosioni, ma indubbiamente sono una delle cose più belle da fotografare… ma tra le più difficili!

Prima di iniziare, specie se è la prima volta che leggi il mio blog, ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, delle guide per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

IL PODCAST SUI FUOCHI D’ARTIFICIO

fuochi d'artificio
fuochi d'artificio

Se vuoi fotografare i fuochi d’artificio senza finire la serata, come succede alla maggiorate dei fotografi che improvvisano, con una scheda di memoria piena di macchie luminose insensate devi essere preparato. Ecco una linea guida:

  1. Assicurati di avere schede di memoria in abbondanza;
  2. Assicurati di avere delle batterie di ricambio;
  3. Devi munirti di un treppiede decente (clicca qui se non sai quale);
  4. Scegli un grandangolo oppure un teleobiettivo;
  5. Arriva in anticipo sul luogo dove farai le foto.

PROCEDURA BASE PER FOTOGRAFARE I FUOCHI D’ARTIFICIO

Check-list fatta? Bene, ora puoi procedere con l’aspetto operativo. Considera che i valori suggeriti per il diaframma e il tempo di scatto sono indicativi; basta veramente poco per rendere una situazione diversa dall’altra, ma questa linea guida ti darà sicuramente una mano ad avvicinarti alle impostazioni ideali di cui avrai bisogno:

  1. Colloca la fotocamera sul treppiede;
  2. Imposta la fotocamera per lo scatto manuale (modalità M);
  3. Utilizza un obiettivo grandangolare (tra i 10mm e i 42mm) per avere una prospettiva più ampia;
  4. Imposta il diaframma tra f/8 e f/16 in modo da ottenere la migliore profondità di campo possibile dal tuo obiettivo;
  5. Imposta il tempo di scatto tra 1 e 10 secondi;
  6. ISO 100 per iniziare e poi si aumenta.
  7. Non ha ovviamente senso usare il flash, sia perché rovineresti l’effetto, ma sopratutto perché infastidisci gli altri spettatori.

Note: ti consiglio di usare un cavo per lo scatto a distanza in modo da evitare qualsiasi tipo di contatto diretto con la fotocamera, rischiando di creare del micro-mosso.

Lo scopo nella fotografia dei fuochi d’artificio è quella di catturare la scia luminosa e colorata lasciata dai vari esplosivi utilizzati durante la manifestazione.

fuochi d'artificio
fuochi d'artificio

COME METTERE A FUOCO?

In realtà è meno complesso di quello che pensi. Per trovare il giusto punto di messa a fuoco puoi agire in due modi:

  • Sfruttando l'iperfocale
  • Aspetta che esploda un fuoco per mettere a fuoco in modo automatico con la fotocamera. Una volta individuato e definito devi disattivare la messa a fuoco automatica e non muovere più la fotocamera e nemmeno toccare la focale se si tratta di uno zoom. Se fai modifiche devi ripetere la procedura.

POSIZIONARSI IN UN BUON POSTO AL CENTRO DELL’AZIONE

Un errore comune che fanno i fotografi quanto tentando di fotografare i fuochi d’artificio, è quello di non includere nelle immagini degli elementi tali da rendere comprensibile a chi osserva, le dimensioni della composizione pirotecnica.

Quello che ti consiglio di fare è di includere nella scena le sagome dei visitatori in modo da dare un senso di prospettiva e dimensione alla scena. Anche in questo caso le impostazioni di scatto sono quelle suggerite prima, diaframma abbastanza chiuso ed inizia con una sensibilità ISO a 100 in modo da avere un rumore digitale minimo (sensibilità da aumentare eventualmente solo dopo).

Prima di fare delle foto lascia che qualche fuoco d’artificio venga fatto esplodere in modo da creare un po’ di cielo fumoso. Solo successivamente puoi iniziare a realizzare qualche scatto.

In questa fase devi fare dei test con i tempi di scatto in modo da individuare quello idoneo. Per capire qual’è il tempo di scatti giusto osserva le foto portate come esempio: l’obiettivo che devi raggiungere è quello di catturare la scia completa del fuoco d’artificio, in modo da renderlo visibile ed apprezzabile in foto.

Non ha ovviamente senso usare il flash, sia perché rovineresti l’effetto, ma sopratutto perché infastidisci gli altri spettatori.

fuochi d'artificio
fuochi d'artificio

LA VELOCITÀ DI SCATTO IDEALE

Quando vuoi fotografare i fuochi d’artificio è consigliabile usare un’esposizione lenta, tra 1 e 10 secondi, ma puoi anche andare oltre. Più lunga è l’esposizione, più scie luminose appariranno nella fotografia. Usare un tempo di scatto veloce, magari perché tenti di scattare a mano libera o sei senza treppiede, non coglierebbe l’essenza dei fuochi d’artificio. Ti ritroveresti con molte immagini inutilizzabili.

Se proprio non hai nulla per tenere ferma la fotocamera poi sperare in qualche esplosione più potente e rapida delle altre, sufficiente a creare una scia visibile anche se scatti a mano libera con tempi di scatto veloci. In questo caso il mio consiglio è di usare la focale più corta possibile ed aumentare la sensibilità ISO.

Prima di continuare ti chiedo un piccolo favore. A te non costa nulla, mentre a me serve per migliorare la visibilità di questo post condividendo questo articolo.

ANTICIPA L’AZIONE

Lo scoppio del fuoco d’artificio è immediato, sicuramente più rapido dei tuoi riflessi (per quanto tu sia preparato) e della fotocamera stessa. Anche le fotocamere infatti non sono escluse da dei lag, che significa ritardi) nello scatto (ovvero un determinato tempo che intercorre tra la pressione del tasto di scatto ed il momento in cui la fotocamera effettivamente registra l’immagine).

Ovviare a questa scomoda situazione non è complesso, ti basta semplicemente prendere un po’ di mano per capire che intervallo di tempo intercorre tra il rumore che senti al lancio del fuoco e quando lo vedi esplodere in cielo. A questo punto basta lavorare un po’ di astuzia: tieni premuto per metà il tasto di scatto (tanto l’autofocus non è attivo) ed attendi. Quando arriva il momento giusto non devi far altro che premere a fondo anticipando di qualche decimo l’esplosione.

Potendo disporre di un tempo di scatto tra 1 e 10 secondi puoi anche permetterti di premere il tasto di scatto in anticipo, sicuro di beccare in quel lasco di tempo l’esplosione pirotecnica inquadrata.

Una volta fatta la foto attendi che il cielo si sgomberi dal fumo per procedere allo scatto successivo.

SFRUTTA L’ACQUA E LE SKYLINE

fuochi d'artificio
fuochi d'artificio

Prima ti ho detto di posizionare la fotocamera in modo tale da poter avere una prospettiva dove si vedono le sagome degli spettatori. Tuttavia, se la tua location lo rende possibile, puoi sfruttare o cercare determinate prospettive che ti permettano di sfruttare i riflessi dell’acqua in un fiume, lago o mare.

Lo scopo di queste impostazioni è quello di realizzare una lunga esposizione in modo tale da ritrovarti una scena dove l’acqua crea un effetto seta, e con lo spettacolo pirotecnico sullo sfondo.

CONCLUSIONI

Ti sei mai chiesto se esiste uno strumento elettronico da abbinare alla tua fotocamera che ti da modo di realizzare questo tipo di foto in modo quasi automatico? Ebbene si… esistono degli strumenti del genere.

Link al sito: http://miops.com/miopssmart/

// Active Campaign