Istogramma in fotografia. Cos’è e a cosa serve

malte-wingen-381978.jpg

Istogramma in fotografia questo sconosciuto… Bene o male un po’ tutti ci siamo chiesti almeno una volta a che serve quel grafico che si trova nella fotocamera e sopratutto bello in vista in ogni software di postproduzione, da Photoshop a Lightroom. Si tratta probabilmente dell’unico strumento in assoluto più importante per poter valutare in modo oggettivo se la foto è stata realizzata correttamente o meno.

Niente aspetti artistici, licenze poetiche o altre mille scuse che il fotografo “che non sa bene che cosa sta facendo” può tirare in ballo. L’istogramma è un dato oggettivo. Vediamolo nel dettaglio.

ASCOLTA LA PUNTATA PODCAST

Clicca sul player per far partire il podcast oppure:

Se i miei podcast ti piacciono ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, dei materiali per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

Verso la fine dell’articolo troverai anche un video, spero interessante, che ho realizzato!
Istogramma
Istogramma

ISTOGRAMMA IN FOTOGRAFIA: COSA FA

Alla base di tutto bisogna che tu comprenda che cosa fa l’istogramma. Prima ti ho detto che si tratta in assoluto dell’unico strumento che è in grado di dirti in modo oggettivo se una foto è stata realizzata correttamente o meno ed infatti tramite l’istogramma puoi capire (specie se leggi tutto questo articolo) se la foto che hai appena fatto è:

  • sovraesposta
  • sottoesposta
  • ha delle ombre troppo chiuse
  • ha delle luci bruciate

In altre parole puoi capire se l’immagine è: correttamente esposta.

COME SI LEGGE L’ISTOGRAMMA

Il grafico dell’istogramma rappresenta come sono distribuiti i pixel dell’immagine sulla base della loro luminosità, ma per imparare a leggerlo nel modo corretto procediamo per punti: seguirmi nel ragionamento.

Com’è strutturato l’istogramma in fotografia

Prendi come esempio l’istogramma di esempio che ti riporto qui sotto. Per comodità ti consiglio di dividerlo in 3 parti:

istogramma in fotografia
istogramma in fotografia
  • Il settore di sinistra rappresenta le ombre e toni scuri, pertanto se una tua foto presenta una concentrazione maggiore di grafico in quella parte significa che la maggioranza dei pixel che compongono la tua immagine sono “scuri”.
  • Il settore di destra rappresenta le luci e toni chiari, pertanto se la tua foto presenta una concentrazione maggiore di grafico in quella parte significa che la maggioranza dei pixel che compongono la tua immagine sono “luminosi”.
  • La parte centrale ovviamente rappresenta la via di mezzo, pertanto se la tua foto presenta una concentrazione maggiore di grafico in quella parte significa che la maggioranza di pixel della tua immagine sono in una tonalità media, ne troppo chiari e nemmeno troppo scuri.

Note: la quantità di pixel si sviluppa in “altezza” nell’istogramma, quindi se arriva a toccare e sforare il limite non ti devi preoccupare.

istogramma_2
istogramma_2

Come si comporta l’istogramma in fotografia

Quando tu realizzi una foto la tua fotocamera digitale genera automaticamente un istogramma e te lo mostra; molte fotocamere digitali moderne inoltre sono in grado di mostrarti in anteprima l’istogramma fotografico durante il LiveView o nel mirino elettronico (come nelle mirrorless. Se voi approfondire l’argomento sulle mirrorless clicca qui.).

Il metodo più facile per farti capire come si comporta è quello di portare degli esempi pratici.

Come avrai modo di notare, questo articolo è bello lunghetto; inoltre, imparare questi concetti, rielaborarli e cercare di renderli semplici da capire, ha richiesto molto sudore e fatica da parte mia. Quindi ti chiedo in cambio di dare un semplice “click” del mouse per me. A te non costa nulla e lui farà salti di gioia. Condividi questo articolo!

IMMAGINE SOTTOESPOSTA

foto sottoesposta
foto sottoesposta

L’immagine sopra è evidentemente sottoesposta, infatti a primo impatto ti rendi subito conto che è molto scura. Se guardi l’istogramma vedi che la curva (ovvero quantità di pixel) è maggiormente concentrata nel settore sinistro del grafico.

IMMAGINE SOVRAESPOSTA

foto sovraesposta
foto sovraesposta

Al contrario di prima, l’immagine sopra è evidentemente sovraesposta, infatti è veramente troppo chiara. Se guardi l’istogramma vedi che la curva (ovvero quantità di pixel) è maggiormente concentrata nel settore destro del grafico.

IMMAGINE BILANCIATA

toni medi
toni medi

L’immagine che ti riporto sopra è definita tecnicamente “bilanciata” (o neutra). Se guardi l’istogramma vedi che la curva è distribuita bene o male nel mezzo del grafico e per questo motivo è considerata (specie dai fotografi da forum): correttamente esposta.

Ti è tutto chiaro ora? Hai capito come funziona? Sinistra = scura, destra = chiara? Complimenti! Ora sai come si legge un istogramma in fotografia.

Ma come? Tutto qui?! Potrei dirti di si, ma non posso far a meno di prendere atto ed in considerazione di tutte le cose che hai sentito dire spesso nei forum o peggio in qualche corso di fotografia. L’inizio di questa sezione non l’ho intitolato “COME SI LEGGE L’ISTOGRAMMA” a caso; proprio perché l’istogramma non va semplicemente letto. Va sopratutto interpretato, e questa purtroppo è una cosa che molti non sanno fare come la differenza tra una persona che sa leggere una poesia ed una che sa coglierne il significato che l’autore voleva darne.

IL MITO DELL’ISTOGRAMMA CON LA CURVA AL CENTRO

bilanciato
bilanciato

Se ti sei messo a discutere con qualche fotografo da forum probabilmente ti sarà anche capitato di imbatterti nella questione dell’analisi dell’istogramma e, come illustrato poco sopra con gli esempi, qualcuno se ne sarà uscito con l’affermazione che la foto correttamente esposta non deve avere una predominanza della curva ne verso destra e ne verso sinistra, ma “deve essere una curva ben distribuita al centro”.

Questo è prima di tutto un falso mito. Difficilmente otterrai, ma probabilmente non serve che te lo dica io e te ne sei accorto anche tu guardando gli istogrammi delle tue ultime foto, delle immagini dove l’istogramma risulta distribuito per bene al centro. Per la maggioranza delle foto che otterrai l’istogramma sarà frastagliato quanto una cresta alpina della Marmolada!

In parole povere devi buttarti alle spalle il concetto, vecchio ed antiquato figlio della fotografia teorica, della lettura dell’istogramma, imparando piuttosto ad interpretarlo.

COME SI INTERPRETA UN ISTOGRAMMA FOTOGRAFICO

Quando ti metti a fotografare, sopratutto se stai fotografando in digitale, devi tenere in considerazione due punti fulcro:

  1. la differenza tra il punto più scuro ed il punto più chiaro dell’immagine potrebbe superare (e di gran lunga) i limiti della tua fotocamera.
  2. ci sono scene che per loro stessa natura propenderanno per una predominanza di pixel scuri, ed altre dove la foto ha una predominanza di pixel molto luminosi;

OPS… che ho detto nel punto 1? Limiti della fotocamera? E che sono?

Ebbene si. La tua fotocamera non è in grado di visualizzare correttamente e allo stesso momento un determinato range di tonalità luminose quanto l’occhio umano. Si parla di Gamma Dinamica.

Affronterò la questione della gamma dinamica con un articolo dedicato perché necessità un approfondimento, ma per ora mi interessa che tu comprenda che l’istogramma in tale situazione è uno strumento fondamentale per capire se la scena che stai cercando di fotografare sfora i limiti della fotocamera digitale, dandoti modo pertanto di intervenire nel modo più idoneo per assecondare la situazione.

Ma come si capisce questa cosa?

Premetto subito che vuole un po’ di pratica e devi armarti di un po’ di pazienza. All’inizio farai un po’ fatica ad interpretare l’istogramma, ma è come quando si impara ad usare le forchette da piccoli o le bacchette al ristorante cinese! Passata la paura iniziale poi tutto è semplice. Per capire se stai sforando i limiti del sensore hai due modi complementari:

Primo metodo: osservare l’istogramma e fare attenzione che la curva del grafico non sembri schiacciarsi in modo eccessivo sul bordo sinistro o destro del fotogramma. Nell’immagine qui sotto l’istogramma ti fa capire con certezza che la foto ha delle zone d’ombra troppo marcate perché l’istogramma non è semplicemente “spostato verso sinistra”, ma si spiaccica letteralmente sul bordo sinistro dei limiti dell’istogramma! È a questo che devi far attenzione e notare quando scatti la foto.

Istogramma sottoesposto
Istogramma sottoesposto

Prendiamo un esempio opposto, ovvero una foto che presenta delle zone molto chiare come questa qui sotto. Qui l’immagine può apparirti anche buona a primo impatto, ma se guardi l’istogramma in fotografia noti che la curva è troppo schiacciata sul bordo destro. Questa cosa sta ad indicare, in modo inequivocabile, che la foto presenta delle are sovraesposte.

Istogramma sovraesposta
Istogramma sovraesposta

Se hai qualche dubbio puoi adottare anche il secondo metodo: abilitare nella fotocamera l’avvertimento di sovra-sotto-esposizione, ovvero quel strumento che ti avverte con dei lampeggi o colori accesi se ci sono aree nella foto troppo chiare o troppo scure.

Prendendo sempre come esempio le stesse foto di prima, ecco come verrebbe visualizzato l’avvertimento per le are sottoesposte della scena. In questo caso sono evidenziate in blu, ma potrebbero avere anche altri colori o lampeggiare da intermittenza (dipende dalla tua fotocamera):

Istogramma sottoesposto
Istogramma sottoesposto

Ed ora lo stesso esempio con la foto “sovraesposta” dove vale lo stesso principio. L’avvertimento è di un rosso bello intenso!

Istogramma sovraesposta
Istogramma sovraesposta

Io uso una via di mezzo. Mi affido solo all’istogramma in fase di scatto, ma ho abilitato la funzionalità di avvertimento nella mia fotocamera solo nella modalità “visualizzazione foto”. In questo modo non mi trovo elementi di disturbo in fase di scatto, ma posso farmi aiutare quando visualizzo le foto dallo schermo lcd della fotocamera.

Ma cosa posso fare quando mi trovo difronte a queste situazioni? Beh… puoi intervenire cambiando le impostazioni di scatto affinché l’esposizione sia un po’ più luminosa:

istogramma corretto
istogramma corretto

Oppure puoi intervenire per fare in modo che l’immagine sia un po’ meno luminosa:

istogramma corretto
istogramma corretto

Il punto 2: le caratteristiche dell’immagine

Il secondo fulcro sul quale si poggia l’interpretazione dell’istogramma in fotografia è quello di avere la consapevolezza che molte scene avranno per forza di cose un istogramma in fotografia sbilanciato.

Ecco alcuni esempi più comuni che ti rendono più semplice il concetto:

foto sottoesposta
foto sottoesposta

La foto sopra (foto 7) è apparentemente sottoesposta, ma in realtà si tratta dell’esposizione corretta per questo tipo di scena. Tentare di correggere l’immagine, schiarendola, avrebbe rovinato e snaturato il risultato finale.

foto sovraesposta
foto sovraesposta

Questo è l’esempio opposto (foto 8). Una scena del genere ti darà sempre e comunque un’istogramma schiacciato in modo deciso verso destra, ma è una caratteristica luminosa assolutamente normale in quel contesto. Questa immagine non va corretta cercando di recuperare le zone chiare.

Hai notato una cosa?

Non so se ci hai fatto caso, ma i due istogrammi allegati e mostrati nelle ultime due foto (foto 7 e 8) hanno una caratteristica comune: sono entrambi ben spostati verso uno dei due lati, a ridosso dei bordi, ma nessuno dei due tocca il bordo… Nella foto 8 è abbastanza chiaro, mentre nelle foto 7 bisogna fare un po’ di attenzione per notarlo.

Questa è una capacità di osservazione che devi affinare molto in fase di scatto. Se vedi che l’istogramma è spostato molto verso un lato, devi essere molto attento nel capire se va a sbattere sul bordo schiacciandosi a ridosso di esso, o se semplicemente si avvicina molto.

Questo fa la differenza tra una foto recuperabile o meno in post-produzione (specie se non usi scattare col formato rawcome spiegato in questo mio articolo)

GUARDA IL VIDEO

COMPRENDERE I LIMITI

istogramma in fotografia
istogramma in fotografia

Per finire, ti porto un esempio di una situazione nella quale ti troverai a fotografare in più di una occasione nella tua vita, ovvero quelle scene dove ci sono nello stesso momento delle zone molto chiare e molto scure (foto 9). In questo caso l’istogramma fotografico è ben lontano dalla curva al centro tanto amata dai fotografi dei forum, ma si presenta sia una curva che sbatte sul bordo sinistro e sia una curva a ridosso del bordo destro.

Sei difronte al tipica situazione dove hai raggiunto i limiti della gamma dinamica della tua fotocamera e non puoi fare una regolazione ne in un verso (schiarendo) e nemmeno nell’altro (scurendo). Che fare?

istogramma in fotografia
istogramma in fotografia

Opzione A: schiarisci la foto e te ne freghi del resto. La foto 10 è il risultato di questo intervento; hai recuperato il dettaglio nelle zone d’ombra ma perdi completamente il dettaglio nelle zone luminose.

Opzione B: scurisci la foto e te ne freghi del resto. La foto 11 è il risultato di questo intervento dove riesci a recuperare il dettaglio della superficie della neve, ma perdi tutto il resto.

istogramma in fotografia
istogramma in fotografia

Esiste però una terza opzione molto pratica: scattare in formato raw. In questo articolo puoi proprio approfondire l’argomento vedendo un video dove ho utilizzato proprio questa immagine di esempio, e potrai anche scaricare il file RAW per fare i tuoi test! Vai all’articolo “8 motivi per i quali dovresti scattare in raw”.

Siamo giunti alla fine del post. Aspetto i tuoi commenti e le tue riflessioni nei commenti…! In più, se l’articolo ti è piaciuto, ti chiedo semplicemente di condividere questo articolo sul tuo social network preferito!

// Active Campaign