L'illusione delle mirrorless compatte

Inizialmente quando si tiravano in ballo le "mirrorless" come alternativa alle reflex si faceva riferimento, tra i principali vantaggi, alla questione dell'estrema portabilità e compattezza.

Ma le cose stanno ancora così?

ASCOLTA LA PUNTATA PODCAST

Clicca sul player per far partire il podcast oppure:

Se i miei podcast ti piacciono ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, dei materiali per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

Negli ultimi anni si sono visti degli sviluppi interessanti nel sistema con delle caratteristiche che si sono nel tempo affermate in modo abbastanza deciso.

FUJIFILM

Ha il merito di aver creduto forse tra le prime in questo sistema proponendo le prime APS-C ad ottica fissa (le famose XT100). Fotocamere estremamente compatte e dalla qualità elevata.

OLYMPUS/PANASONIC

Hanno credoto nell'essenza vera della Mirrorless adottando il sistema Micro 4/3 (MFT) che permette, a fronte di un sensore leggermente più piccolo e dalla forma più quadrata, di costruire ottiche di qualità elevatissima in dimensioni estremamente ridotte.

SONY

Nonostante si tratti di un colosso è comunque un'azienda relativamente "nuova" nel settore della fotografia (ha acquisito Minolta per poter affrontare questa sfida) ma si è subito affermata per essere "l'unica" casa che produce Mirrorless FULLFRAME a portata di consumatore "normale" (lascio volutamente fuori Leica che è rivolta ad un utenza di nicchia).

LE DIMENSIONI SONO REALMENTE DIVERSE?

Proprio partendo da Sony faccio questa analisi. Una Mirrorless Sony con sensore FF alla fine è veramente così compatta? NO. Sicuramente un po' più leggera, ma dal punto di vista degli ingomrbi non siamo distanti dalle relfex "normali".

ERGONOMIA

d-a-v-i-d-s-o-n-l-u-n-a-459489-unsplash.jpg

Diciamolo. Uno dei fattori che portano queste "mirrorless" ad essere "compatte" è principalmnete il fatto che, non avendo tutto il sistema meccanico "reflex", possono essere realizzate concentrando tutti i comandi in poco spazio.

Ma poco spazio significa anche "scomodità", specie per chi non ha delle mani piccole. E di questo le case produttrici se ne sono accorte e ancora di più se ne sono accorti i professionisiti e chi usa spesso la fotocamera. 

Se è troppo piccola è scomoda. Se è "scomoda" si torna ad usare quella più grande (reflex).

Quello che si sta vedendo ora è che TUTTI cominciano a produrre mirrorless più grandi ed ergonomicamente più comode.

  • Olympus EM1 Mark II
  • Sony A9
  • Fujifilm H1

Tutte le marche, compreso chi ha adottato il MFT (Micro 4/3), hanno a catalogo dei modelli più grandi, comodi da tenere in mano e che, di fatto, non sono tanto più piccoli di un sistema reflex.

In ogni caso non sufficientemente piccolo da dire "Prima lasciavo a casa la fotocamera ora invece la porto sempre in giro con me".

// Active Campaign