Schede di memoria e sigle identificative

La scelta della scheda di memoria per la propria fotocamera può essere una cosa complessa perché, di fatto, sono ormai cosparse di talmente tante sigle che non si capisce bene le differenze tra una e l’altra. Con questo articolo, seppur breve, voglio chiarire in modo semplice il significato delle sigle che trovi nelle schede di memoria ed aiutarti nella scelta idonea per la tua fotocamera in modo da spendere “il giusto”.

Prima di continuare, specie se è la prima volta che leggi il mio blog, ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, dei materiali per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

TIPOLOGIA DI SCHEDE DI MEMORIA

Schede di memoria

Le fotocamere moderne in linea di massima accettano due tipi di scheda di memoria “standard”:

Va dato atto che ormai la tendenza dei produttori di fotocamere è quella di adottare le schede SD per tutta una serie di motivi. Il primo è di tipo pratico:

Le schede CF (Compact Flash) stabiliscono il collegamento con il corpo macchina attraverso dei “pin” (una specie di aghi) che dalla macchina sono infilati sulla scheda di memoria.

Purtroppo, se sei sfortunato o ti affidi a delle marche sconosciute (o anche dei falsi), potrebbe succedere di incappare in un prodotto non perfettamente realizzato che “piega” o “rompe” uno degli aghi all’interno del vano memoria della tua fotocamera e questo comporta l’inevitabile necessità di mandare in assistenza la fotocamera.

Il secondo motivo è di tipo “prestazione”. Con il tempo le schede SD (Secure Digital) sono state sviluppate e si trovano più facilmente con prestazioni tecniche migliori

E LE MICRO SD?

Ci sono delle fotocamere che funzionano con le Micro SD? Come quelle che mettono negli smartphone?

Si… mi pare esista una fotocamera che adotta questo sistema ma per ora rimane per lo più esclusiva degli smartphone.

Non so bene il motivo tecnico, probabilmente è anche questione di comodità visto che è più facile manovrare, togliere e rimettere le normali schede SD (Secure Digital) piuttosto che smanettare con le MicroSD.

Le MicroSD sono pensate per lo più per essere inserite negli apparati per poi non essere più rimossi. Per questo le trovi sugli Smartphone, nella GoPro ed Action Cam in generale.

USARE LE MICROSD CON ADATTATORE

Ci sono stati casi dove delle persone mi hanno chiesto se usare una MicroSD sulla Fotocamere tramite adattatore possa essere una soluzione valida.

Beh… per funzionare funzionano, non ho nemmeno fatto caso se ci sono differenze di prezzo onestamente, ma lo sconsiglio.

L’adattatore è pur sempre un elemento che “collega” i contatti della MicroSD con i contatti della fotocamera e, considerato che si tratta di un elemento meccanico in più, significa “raddoppiare” le possibilità di errore per un difetto/ossidazione degli elementi di contatto.

Ignoro se ci possano essere anche delle limitazioni o possano incidere in fatto di “velocità di trasferimento” pertanto se qualche lettore sa dare dei feedback al riguardo mi contatti e farò la rettifica/integrazione all’articolo.

CARATTERISTICHE SIGLE SCHEDE DI MEMORIA

Schede di memoria

Le schede di memoria hanno varie sigle identificative che hanno uno scopo ben preciso e universale.

Di seguito analizzerò le sigle punto per punto:

  • Capacità di Memoria in GB
  • Velocità di Scrittura “Speed Class”
  • Speed class superiori “UHS”
  • Video “Speed Class”
  • Bus speed
  • Speed Rating

CAPACITÀ DI MEMORIA IN GB

Questo è il più ovvio dei dati e il più facile da comprendere/riconoscere.

Maggiore è la memoria della fotocamera e maggiori sono le immagini, foto e video (in minuti) che puoi salvare.

Ovviamente dipende anche dalle dimensioni del file che vai a salvare, ecco allora che se scatti in RAW ti serve una scheda di memoria più capiente perché i file pesano di più rispetto allo scattare in JPG.

Le schede di memoria sono contraddistinte spesso dalla sigla SD seguita da altre sigle SC, HC oppure XC.

Schede di memoria

SD sta ad indicare semplicemente “Secure Digital” per identificare il tipo di scheda. Mentre le altre sigle indicano:

  • SC = (Standard Capacity): ovvero schede tradizionali da 128Mb fino a 2GB;
  • HC = (High Capacity): ovvero le schede da 4 a 32GB;
  • XC = (eXtended Capacity): ovvero le schede da 64GB a 2TB;

VELOCITÀ DI SCRITTURA “SPEED CLASS”

L’altra sigla che trovi sulle schede è un numero all’interno i un cerchio spezzato ed indica la “velocità di scrittura minima” della scheda.

La velocità di scrittura è definita Classe per questo motivo il numero si trova all’interno di un “cerchio spezzato” che, per l’appunto, è una “C” se ci pensi.

Schede di memoria

Ecco cosa significano i numeri:

  • 2= Classe 2: sono schede con velocità minima di 2 MB/s;
  • 4= Classe 4: sono schede con velocità minima di 4 MB/s;
  • 6= Classe 6: sono schede con velocità minima di 6 MB/s:
  • 10= Classe 10: sono schede con velocità minima di 10MB/s;

SPEED CLASS SUPERIORI “UHS”

Con l’evolversi degli apparati (fotocamere e videocamere) si è sentita la necessità di prodotti ancora più performanti, sopratutto per far fronte alla più esosa richiesta di prestazioni scrittura per video 4K.

Per questo motivo state sviluppate una nuova serie di schede di memoria che vengono identificate da una sigla numerica dentro ad una “U” per identificarne la velocità minima di scrittura.

Schede di memoria

  • U1: velocità minima di scrittura pari a 10 MB/s fino ad un massimo teorico di 30 MB/s;
  • U3: velocità minima di scrittura pari a 30 MB/s fino ad un massimo teorico di 90 MB/s;

VIDEO “SPEED CLASS”

Fino a questo momento si è sempre parlato di “velocità” di scrittura ma, specie per chi fa video, è importane anche avere una certa garanzia sulla stabilità della scheda durante la registrazione.

I video infatti non sono come dei “file immagine” fini a se stessi. I video sono un flusso continuato di dati che vengono registrati sulla scheda.

In pratica, a differenza dei file immagine, non vengono creati dalla fotosfera e salvati nella scheda, ma c’è un flusso continuo tra la fotocamera e la scheda nella quale viene creato il file.

Per questo motivo alcune schede riportano una sigla “V” che sta ad indicare la Video Speed Class.

Schede di memoria

La sigla “V” seguita da un numero significano questo:

  • V6: garantite fino a 6 MB/s;
  • V10: garantite fino a 10 MB/s;
  • V30: garantite fino a 30 MB/s;
  • V60: garantite fino a 60 MB/s;
  • V90: garantite fino a 90 MB/s;

BUS SPEED

La spiegazione di cos’è il BUS te la risparmio tuttavia è anche questo un dato che viene riportato sulle schede di memoria sotto forma di numero romano.

Schede di memoria

Nello specifico è un valore molto utile per chi magari fa uso di scatti a raffica in RAW con la sua fotocamera.

Un valore più alto garantisce maggiori performance:

  • “I” (UHS-I) sta ad indicare un BUS Speed fino a 104 MByte/s;
  • “II” (UHS-II) sta ad indicare un BUS Speed fino a 312 MByte/s;
  • “III” (UHS-III) sta ad indicare un BUS Speed fino a 624 MByte/s;

 SPEED RATING

Per concludere abbiamo un ultimo valore indicato nelle schede di memoria che è quello indicato più in grande per il semplice fatto che è più facile da comprendere dagli acquirenti.

È il classico valore che viene pubblicizzato in modo esagerato tipo “633x”, “1000x” oppure “2000x”.

Schede di memoria

LEXAR ad esempio fa un gran uso di questi valori, ma cosa stanno a significare?

Adesso ti verrà da ridere… ma indicano “quanto più veloci sono rispetto d un CD-ROM” nella scrittura. Esattamente.

SanDisk invece propone le sue schede indicando esclusivamente i valori in MB/s.

Ecco allora che queste due schede sono esattamente la stessa cosa:

  • Scheda Lexar “2000x”
  • Scheda SanDisk “300 Mb/s”

Di seguito ti riporto due immagini che possono tornarti utili per un riepilogo generale:

QUALE SCHEDA PREFERIRE?

Qui la cosa si fa interessante! Di base più performante è la scheda e maggiori garanzie ti da nel futuro (in quanto potrai utilizzarla in molti apparati anche in futuro), tuttavia significa anche spendere di più.

Esempio classico:

1. SanDisk Extreme PRO 32 GB (clicca qui)

  • UHS-I
  • Scheda di Memoria SDHC
  • Classe 10
  • U3
  • V30

2. SanDisk Extreme PRO 32 GB (clicca qui)

  • UHS-II
  • Scheda di Memoria SDXC
  • Classe 10
  • U3

Delle due schede sopra la seconda (UHS-II) costa quasi 3 volte tanto la prima. Nella seconda non è indicato la video “speed class”, ma per il fatto che è una “Classe 10” e “U3” significa che “come minimo” è una “V30”.

Detto in parole più semplici costa quasi 3 volte tanto perché è una UHS-II ma per usi fotografici non ha quasi senso.

CONSIGLI SCHEDA?

SanDisk Extreme PRO 32 GB

Scheda di Memoria SDHC, Classe 10, U3, V30, Velocità di Lettura 95 MB/s

Sono le schede con il miglior compromesso considerato che puoi registrare video 4K fino a 60fps e 120fps.

Clicca qui per vederne il prezzo online

Lexar Professional

Scheda SDHC, 32 GB, Velocità fino a 300 MB/s, 2000x, UHS-II/U3, con Lettore USB 3.0

Clicca qui per vederne il prezzo online

Toshiba EXCERIA PRO

Offre una velocità di trasferimento di 260 MB/s, e di scrittura di ben 240 MB/s. E’ una Classe UHS Speed Class 3 di livello UHS-II.

Clicca qui per vederne il prezzo online

CONCLUSIONI FINALI

Di base una buona prassi sarebbe quella di controllare sul manuale della tua fotocamera quali sono le tipologie di schede suggerite.

Ovviamente non ti consiglieranno mai una scheda che non viene supportata dalla fotocamera ma ti consiglieranno quasi sempre la scheda migliore che ottimizza le performance della fotocamera stessa. Al massimo ti indicano i requisiti “minimi” della scheda.

RICORDA COMUNQUE... non ha senso acquistare e spendere troppi soldi in schede di memoria che poi non vai a sfruttare nel modo adeguato con la tua fotocamera.

Siamo giunti alla fine del post. Aspetto i tuoi commenti e le tue riflessioni nei commenti…! In più, se l’articolo ti è piaciuto, ti chiedo semplicemente di cliccare “mi piace” condividere questo articolo sul tuo social network preferito!

// Active Campaign