Come diventare efficiente in fotografia con 6 semplici accorgimenti - Tecnica Fotografica

Come diventare efficiente in fotografia con 6 semplici accorgimenti

Soprattutto per il fotografo amatoriale trovare il tempo per scattare qualche foto in più può essere davvero una lotta ìmpari. Eppure c’è il modo per ottimizzare il proprio tempo e diventare efficiente in fotografia per riuscire a recuperare tutti i giorni i minuti per fare qualche foto.

Avere una buona familiarità con i comandi, per esempio, ti permette di velocizzare le operazioni di impostazione della fotocamera… oppure lasciare che sia lei stessa ad aiutarti!

Prima di iniziare, specie se è la prima volta che leggi il mio blog, ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, delle guide per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

1) IL DIAFRAMMA

efficiente in fotografia

Se non sei ancora abbastanza esperto da scattare in modalità manuale puoi scegliere la priorità tempo o la priorità diaframma. Sei tu a decidere, a seconda del tipo di fotografia che vuoi fare, se dare priorità al tempo (e in questo caso la scelta diaframma resta obbligata) o al diaframma (e sarà obbligata la scelta del tempo).

Queste modalità di scatto vengono definite semiautomatiche perché ti permettono un parziale controllo sulle impostazioni e sulle caratteristiche della foto.

Se ti serve una maggiore profondità di campo potrai dare priorità al diaframma, questa funzione presente in alcune fotocamere ti consente di impostare automaticamente il tempo di scatto, in base all’apertura di diaframma che hai impostato.

Se dai priorità al tempo avrai un maggiore controllo sulla velocità dell’otturatore.

L’impostazione automatica del diaframma avverrà in base al tempo di scatto da te scelto e questo può succedere se vuoi cogliere un soggetto in movimento. Con questa modalità puoi scegliere di controllare di volta in volta o la quantità di luce che deve arrivare sul sensore oppure il tempo, lasciando che la modalità automatica faccia il resto del lavoro sulla base delle nostre esigenze.

Un altro accorgimento che aiuta a risparmiare tempo e diventare efficiente in fotografia è scattare esclusivamente in formato RAW. Questo permette di intervenire sull’esposizione in post-elaborazione ed è utilissimo quando si fotografa all’alba o al tramonto, quando le variazioni di intensità della luce possono essere così rapide che è facilissimo sovraesporre o sottoesporre qualche scatto.

Le immagini RAW mantengono tutte le informazioni della foto e lasciano un ampio margine di manovra.

2) L’AUTOFOCUS

Gran parte delle fotocamere attuali sono dotate di sistemi di autofocus, ma la capacità dei nostri occhi di determinare il punto di messa a fuoco è difficilmente eguagliabile.

Il punto AF della tua fotocamera può essere reimpostato, per questo dovrai consultare il manuale d’uso della tua macchina, ma una volta imparata la procedura, impostare il tuo personale punto AF ti porterà a ottenere immagini di carattere, risparmiando notevole tempo con la messa a fuoco automatica.

Quando la situazione lo richiede poi, occorre fare la messa a fuoco manuale, cosa che, basandoti esclusivamente sul mirino, può anche comportare delle difficoltà.

efficiente in fotografia

Confrontare la vista dal vivo con l’esame dell’immagine sullo schermo LCD della fotocamera consente di verificare se il soggetto è realmente a fuoco. Due strumenti sono utili nella AF manuale: il telemetro e lo zoom in live view.

Con il primo si ha un aiuto dall’autofocus anche in modalità manuale (quando compare nel mirino l’indicatore di messa a fuoco mentre tieni premuto il pulsante a metà corsa e ruoti la ghiera di messa a fuoco); con la live view invece, puoi ingrandire una porzione di immagine (per esempio gli occhi del soggetto) attraverso un apposito tasto.

Ruotando la ghiera della messa a fuoco, la parte della scena che hai ingrandito apparirà nitida, a quel punto puoi eseguire lo scatto. Anche questo espediente ti aiuterà a sviluppare la conoscenza del tuo strumento e ti farà risparmiare tempo ogni volta che il sistema dell’autofocus non è sufficiente.

3) L’IMPORTANZA DEL MANUALE PER DIVENTARE EFFICIENTE IN FOTOGRAFIA

Leggere preliminarmente e attentamente il manuale della tua macchina fotografica ti consentirà di comprenderne il funzionamento e le caratteristiche.

La tua fotocamera potrebbe essere provvista per esempio di misurazione valutativa per ridurre gli scatti sovraesposti o sottoesposti. Tramite questa funzione la camera analizza l’intera scena e calcola la media tra le esposizioni delle aree valutate.

L’istogramma fornito dalla camera aiuta a realizzare se la foto è stata esposta correttamente. In caso è anche possibile agire manualmente sull’esposizione e ripetere lo scatto.

efficiente in fotografia

Infine, con le moderne tecnologie digitali e i vari software grafici a disposizione è sempre possibile intervenire in un secondo momento per modificare elementi non gestiti ottimamente in fase di scatto. Questo ovviamente attiene alla tecnica fotografica e non all’arte dello scatto.

4) IL PARALUCE

Un’altra cosa che ti aiuterà a non perdere tempo e diventare efficiente in fotografia, anche in post-elaborazione, è l’utilizzo del paraluce.

Ti aiuterà a mantenere il chiarore del sole, aloni ed altri disturbi luminosi quando il riflesso diventa un ospite molto invadente. Questo porta a perdere minor tempo con le regolazioni o a cercare posti riparati, sia dal vivo che anche dopo, in fase di elaborazione.

Inoltre, stando in giro a fare scatti potresti avere la necessità di riporre la tua reflex nella borsa, ma per averla pronta puoi lasciarla con il paraluce montato che ovvierà alla necessità del copri-obiettivo per la sua protezione: la lente resterà comunque al riparo da urti e graffi e tu non avrai perso tempo a mettere e togliere il copri-obiettivo.

Anche nel caso ti ritrovassi a girare tra la folla con la reflex al collo, il paraluce costituisce una buona protezione da eventuali urti.

Scattando fotografie in caso di pioggia, infine, il paraluce agisce da riparo per il tuo obiettivo aiutandoti a mantenerlo asciutto e privo di fastidiose gocce d’acqua, il che significa nessuno spreco di tempo per pulire la lente.

Inoltre il paraluce non costituisce un problema di spazio quando riponi l’equipaggiamento perché può essere montato al contrario.

5) PULIZIA DELLA FOTOCAMERA E ATTREZZATURA

efficiente in fotografia

Anche il sensore della tua reflex va tenuto pulito per evitare che il poco tempo che sei riuscito a dedicare agli scatti sia tempo del tutto sprecato perché le tue immagini sono cosparse di macchie e puntini neri.

Più o meno evidenti a seconda dello sfondo appaiono su tutte le foto e sono il risultato di una cattiva tecnica di pulizia del sensore immagine.

Per evitare o ridurre i problemi di polvere devi accuratamente evitare di cambiare le lenti in luoghi a rischio, soprattutto dove c’è vento.

Cambia le lenti a fotocamera spenta: il sensore di alcune camere ha una carica elettrica che agisce come un magnete e attira la polvere, inoltre mantieni la telecamera a testa in giù, con l’apertura verso il basso, cosa che renderà molto più difficile il contatto con la polvere (a meno che non ci sia molto vento!).

Cerca di tenere la fotocamera aperta il meno possibile, quindi non cambiare lenti se non hai il nuovo obiettivo pronto e a portata di mano. Controlla che le lenti da applicare siano pulite. Il sensore immagine, se necessario, può essere sottoposto a una pulizia professionale.

Non dimenticare nemmeno di mantenere cariche ed efficienti le batterie!

Verifica inoltre che le schede di memoria siano libere e formattate per poter avere la massima capacità di memoria. Verifica la sensibilità ISO, quali punti di messa a fuoco sono attivi, la modalità di scatto e il formato di memorizzazione.

Non portare con te più di quanto non ti serva ma cerca di avere sempre un treppiedi nella borsa dell’attrezzatura, e soprattutto porta con te anche la sola fotocamera. Ti accorgerai di quante occasioni siano a portata di mano per uno scatto e soprattutto impara a conoscere i limiti della tua macchina fotografica, le sue prestazioni in diverse condizioni di illuminazione, la precisione della messa a fuoco.

Sono d’accordo con la vecchia citazione di Orson Welles, “Il nemico dell’arte è l’assenza di limitazioni”.

L’errore comune che limita la possibilità di diventare efficiente in fotografia è spesso quello di spendere troppe ore e ore nella lettura di articoli su Attrezzatura Forum, blog (tranne questo hahahaha) e riviste ma questo ti impedisce di uscire e fare fotografie! Non dico che questo sia sbagliato ma sicuramente il tempo da dedicare alla teoria e alla pratica deve essere bilanciato.

6) CORREZIONE DELLA MESSA A FUOCO

I vecchi obiettivi (ad esempio i Canon FD) solitamente hanno delle tacche rosse sulla scala delle distanze che servono per correggere la messa a fuoco nello scatto con filtro ad infrarossi perché nel nostro caso quello che vediamo a fuoco nel mirino non sarà correttamente a fuoco sulla pellicola o sul sensore e quindi si può intervenire manualmente spostandosi sulla tacca rossa corrispondente.

efficiente in fotografia

Negli obiettivi moderni le tacche rosse sono quasi tutte sparite (fatta eccezione per quelli di gamma superiore come gli L per Canon oppure certi obiettivi di altre marche), in ogni caso il problema della correzione del fuoco anche senza le tacche rosse è facilmente “aggirabile” perché si presenta maggiormente con focali molto lunghe (ad esempio i teleobiettivi) e usando diaframmi aperti.

Fotografando principalmente paesaggi, per avere una buona PDC secondo me sarebbe bene non scendere mai sotto a f/5.6 — f/8 quindi non si rischia di essere fuori fuoco.

Scatta molte foto — cerca di riempire il più possibile la tua scheda di memoria o di usare più pellicola possibile (se ancora ami scattare in analogico). Più foto scatterai, più diventerai bravo e più le tue foto saranno apprezzate!

Siamo giunti alla fine del post. Aspetto i tuoi commenti e le tue riflessioni nei commenti…! In più, se l’articolo ti è piaciuto, ti chiedo semplicemente di condividere questo articolo sul tuo social network preferito!

Alessio

Blogger, Autore, Fotografo ed Imprenditore Online, Questo è il mio progetto più importante. Guarda le mie foto su 500px o SmugMug.

Ti potrebbe anche interessare...