Esempi pratici per fotografare il cibo. Parte 3 - Tecnica Fotografica

Esempi pratici per fotografare il cibo. Parte 3

Ecco il terzo articolo dedicato agli esempi pratici per fare food-photography, ma magari preferisci chiamarla “tecnica per fotografare il cibo”.

  • Se vuoi leggere l’articolo introduttivo alla tecnica fotografica: clicca qui
  • Se vuoi leggere la prima parte degli esempi pratici per fotografare il cibo: clicca qui
  • Se vuoi leggere la seconda parte degli esempi pratici per fotografare il cibo: clicca qui

cibo

Prima di continuare, specie se è la prima volta che leggi il mio blog, ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, dei materiali per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

E ora iniziamo con la terza serie di esempi pratici!

7#: STRINGI E TAGLIA

Fotografare il cibo

ANALISI DELLA LUCE

  • Il soggetto da fotografare è stato illuminato sfruttano una sola fonte di luce, come in molte situazioni con luce naturale. La fonte di luce artificiale è posta sulla parte sinistra, mentre sulla destra è stato sfruttato un riflettore piegato a 90° e posizionato a 45° rispetto il soggetto da fotografare in modo da schiarire le ombre.
  • L’elemento a destra, posizionato in quel modo, permette di schiarire le ombre della pietanza sia sulla parte anteriore che posteriore, rendendo l’immagine molto più piacevole da osservare e bilanciata.

ANALISI TECNICA

  • Il soggetto è stato fotografato con un’angolo di circa 45° e sfruttando un teleobiettivo. Questo ha permesso di ottenere due risultati: il primo consiste in un’inquadratura molto stretta; il secondo consiste in un effetto sfocato sulla parte più distante del soggetto.
  • Il soggetto non necessitava di tanti elementi di corredo. Il piano della cucina è più che sufficiente, mentre l’inquadratura stretta ha reso ininfluente la presenza di uno sfondo totalmente anonimo ed innaturale. Se anche tu ti trovi in situazioni o layout che non ti permettono grandi virtuosismi artistici, concentrati sul soggetto facendo inquadrature strette e giocando con gli sfocati.
  • Interessante anche il gioco di linee che si sono venute a creare tra il bordo del piatto (un disco rotondo) ed il dolce oggetto della fotografia (anch’esso composto da dischi tondi).
  • La foto sotto mostra lo stesso medesimo layout, ma sfruttando un’inquadratura totalmente diversa. Anche in questo contesto il fotografo ha adottato la soluzione dell’inquadratura molto stretta (il fondo del piatto fa da sfondo), per poi giocare con gli abbinamenti sui colori delle pietanze.

Fotografare il cibo

8#: CONCENTRATI SUL SOGGETTO

Fotografare il cibo

ANALISI DELLA LUCE

  • La fonte di luce è solo una, ma si sfrutta comunque un pannello riflettente posto sul lato opposto per schiarire le naturali ombre che si vengono a creare.
  • La fonte di luce artificiale sulla destra è di dimensioni ragguardevoli ed abbinata an un diffusore. La scelta di questo layout è strategica perché la pietanza si trova all’interno di un piatto molto stretto e con bordi alti. L’uso di un diffusore di tali dimensioni permette di ottenere una buona illuminazione del soggetto senza rischiare che il bordo del piatto crei delle ombre dure all’interno dello stesso.

ANALISI TECNICA

  • La fotocamera è stata posta come solito in uso a circa 45° di inclinazione rispetto al soggetto fotografato.
  • L’obiettivo usato è un medio-tele con ampia apertura di diaframma, in modo da poter creare un effetto sfocato nella lunghezza del piatto e far concentrare l’attenzione sulla pietanza.
  • Il piatto — stretto e lungo — è stato volutamente posizionato leggermente inclinato rispetto l’inquadratura e, se fai caso al tavolino sul quale è appoggiato, in modo che sia in contrapposizione alle line date dalla trama del tavolo.
  • Non è stato necessario creare un layout complesso in quanto il soggetto fotografato è di per se interessante con tutti quei giochi ed abbinamenti di colori e particolari.

9#: NON SERVE UNO STUDIO FOTOGRAFICO COMPLESSO

Fotografare il cibo

CONCLUSIONI

Se sei arrivato a questo punto, dopo aver letto la parte introduttiva e gli altri due esempi pratici, spero che il messaggio che volevo trasmettere sia arrivato a destinazione. In sostanza volevo farti comprendere — e questa ultima foto lo vuole dimostrare — come non serva avere uno studio fotografico raffinato e composto da tante attrezzature costose per fotografare il cibo. Per dirla tutta è anche uno di quei campi fotografici dove ci sono molti sbocchi commerciali interessanti!

Se vuoi approfondire questa tecnica fotografica, magari proprio per intraprendere questo campo in modo professionale, non posso che consigliarti di acquistare subito un kit di illuminazione continua come questi:

Fotografare il cibo
Non serve spendere molto per iniziare. Cliccando qui potrai accedere a tutta una serie di soluzioni interessanti ed economiche, proprio come nell’esempio della foto qui sopra.

APPROFONDIMENTI

Fotografare il cibo
Food-Photography: segui la mia bacheca dedicata alla food-photography su Pinterest. Clicca sul link per trovare altri spunti, idee e suggerimenti creativi su questa tecnica fotografica. La bacheca è in continuo aggiornamento ed implementazione!

Le basi: leggi l’articolo di introduzione alla tecnica fotografica su come fotografare il cibo. Se l’articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici nei social!

Alessio

Blogger, Autore, Fotografo ed Imprenditore Online, Questo è il mio progetto più importante. Guarda le mie foto su 500px o SmugMug.

Ti potrebbe anche interessare...