Fotografare in digitale oppure usare una fotocamera analogica?

Fotografare in digitale oppure usare una fotocamera analogica?

Meglio fotografare in digitale oppure usare una macchina fotografica analogica? Quale dei due è meglio, è quale dei due ti fa “diventare fotografo”? Un dibattito senza fine questo.

Ma io ci aggiungo il fatto che è un dibattito senza senso.

Lo dico perché si va a paragonare un mondo molto diverso dall’altro nonostante ne facciano entrambe parte: LA FOTOGRAFIA!

Un po come paragonare se è meglio mangiare frutta o verdura… Fanno entrambe bene e una non preclude l’altra.

Sinceramente non mi sono messo a scrivere queste righe per fare l’ennesimo articolo su quale dei due mondi è il migliore.

Non è il dibattito tecnico che voglio affrontare, ma quello concettuale.

Prima di iniziare, specie se è la prima volta che leggi il mio blog, ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, delle guide per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

CON LA FOTOCAMERA ANALOGICA DIVENTI UN FOTOGRAFO MIGLIORE!

Quando parlo con persone che magari sono nate e cresciute con la fotocamera analogica e sono state inglobate nell’avvento del digitale ad età avanzata di solito il dibattito sulla fotografia ha il solito epilogo:

  • Solo con l’analogico si imparava veramente a fotografare.
  • Con l’analogico, non puoi fare errori, perché non puoi intervenire sulle immagini in post-produzione.
  • Con l’analogico le foto sono più naturali perché non puoi intervenire in post-produzione.

Niente di più sbagliato. Voglio metterlo in chiaro fin da subito. Chi scattava con l’analogico, in fase di sviluppo o stampa, riusciva a correggere ben più di qualche errore.

Attraverso tempi di sviluppo un po più lunghi rispetto al solito o nella gestione della stampa si riusciva a recuperare molto nelle immagini realizzate, come ad esempio gli errori di esposizione.

In fase di stampa – ovvero la fase che prevede la “nascita “della foto sulla carta vera e propria – le cose erano ancora più divertenti.

Mascherare delle are per non schiarirle troppo favorendo invece altre non mascherate era una prassi quasi all’ordine del giorno.

Ansel Adams, maestro della fotografia “bianco & nero”, ne faceva un uso estremo nella realizzazione delle sue opere che – guarda caso – hanno fatto la storia.

A volte mi chiedo come l’avrebbe presa Ansel Adams se gli avessero proposto ai suoi tempi un software grafico come Adobe Photoshop, Adobe Lightroom o Affinity Photo

Secondo me avrebbe fatto i salti di gioia e oggi sarebbe un “guru di Photoshop” che vende migliaia di corsi su Udemy. 😀

Ma tornando a noi… anche il crop, che spesso qualcuno si chiede se sia una prassi “corretta” da fare in fotografia, è una questione che non avrebbe nemmeno senso tirare in ballo.

Ai tempi della stampa, semplicemente ingrandendo l’immagine o utilizzando una carta con dimensioni più piccole, si riusciva a fare un crop!

FOTOGRAFARE IN DIGITALE O MANCANZA DEL DIGITALE?

Allora c’era nell’analogico qualcosa che “aiutava” ad essere migliori fotografi oppure no?

In realtà qualcosa di vero c’è… Ma non centra con “il modo di fare le foto” quanto piuttosto un aspetto “tecnico” che portava irrimediabilmente a dover approcciarsi alla fotografia (in generale) diverso: le limitazioni.

Le limitazioni erano un aspetto intrinseco della fotografia analogica ma non in senso negativo. Era la tecnologia che in fondo mancava.

Quando la fotografia analogica regnava sovrana, e qui mi riferisco al periodo prima degli anni ’90, i vari aiuti tecnologici che oggi troviamo anche nelle macchine fotografiche entry-level, mancavano totalmente anche nelle ammiraglie.

Fotografare in digitale

Tuttavia ad un certo punto anche nell’analogico le cose sono pian piano cambiate. La Canon EOS 1N che al momento del lancio nel 1994, vantava la possibilità di effettuare esposizioni multiple.

Ma non solo due esposizioni come al solito; bensì fino a dieci esposizioni, tutte misurate in modo da non bruciare le zone della pellicola già esposte.

Eh si! Una macchina piena di tecnologia se prendiamo in considerazione che aveva molte caratteristiche simili alle moderne digitali:

  • le performance dell’esposimetro che era molto simile al digitale,
  • la raffica era di tutto rispetto,
  • il numero e la sensibilità dei punti di messa a fuoco uguali identici ai punti AF trovati nelle DSLR
  • la possibilità di fare bracketing come con il digitale… ma su una macchina a pellicola (analogica per l’appunto).

E allora , coma mai questa idea diffusissima, che l’analogico ti fa diventare un miglior fotografo?

Riflettendoci sopra, ho trovato una risposta che, personalmente ritengo la più valida tra le tutte: LA DIFFICOLTÀ DI VEDERE SUBITO IL RISULTATO

La mancanza di qualsiasi aiuto nella preparazione ed esecuzione dello scatto rendeva difficile anticipare quello che sarebbe accaduto durante e dopo lo scatto.

La Canon FTb, aveva un’esposimetro che indicava solo se la foto era sotto o sovra esposta, mentre quelli digitali ti dicono addirittura di quanto.

Il Live View è di grandissimo e immediato aiuto nella composizione e valutazione dello scatto, dando una rappresentazione molto fedele su come verra la foto, dopo lo scatto.

Con l’analogico si doveva anticipare quasi tutto. La messa a fuoco, sopratutto con soggetti in movimento, il bilanciamento del bianco attraverso appositi filtri.

Si doveva anticipare persino la luce disponibile o il tipo di fotografia/soggetto da fotografare, per scegliere la pellicola adatta.

Ecco, tutto questo era un lavoro di anticipazione, mentre con il digitale si può fare in post produzione, cioè dopo lo scatto.

Un’altro aspetto trascurato da molti, era la scarsità delle ottiche disponibili al tempo.

Parliamo sempre dell’epoca ante ’90. Fino all’inizio del ventesimo secolo, erano pochi i sistemi che potevano mettere a disposizione focali che partono da fish-eye per arrivare al super tele da 800mm o 1200mm.

Per non parlare degli obiettivi zoom, sopratutto nella zona delle focali corte e normali, tipo il 24-70mm. Quelle esistenti avevano una qualità ottica a dir poco scandalosa.

Tutto questo non faceva altro che obbligare il fotografo a pensare bene prima di scegliere un’obiettivo e ragionare molto sull’inquadratura.

Quindi, tutte queste limitazioni obbligavano ad usare di più l’attrezzo che oggi viene utilizzato solo per dare l’impulso al dito indice, a premere il pulsante di scatto: IL CERVELLO!

Prima di continuare ti chiedo un piccolo favore. A te non costa nulla, mentre a me serve per migliorare la visibilità di questo post: Condividi e metti “mi piace” a questo articolo!

Fotografare in digitale

OK, MA A QUESTO PUNTO MI DIRAI

”hei, d’accordo ma hai parlato tanto, per dar ragione a chi sostiene la supremazia dell’analogico, nell’educazione fotografica!”

In una lettura superficiale ovviamente questo mio scritto non fa altro che confermare ed esaltare l’ego di chi ha sempre sostenuto questo.

Ma in realtà, con una lettura più attenta di quanto ho scritto, capiresti che alla fine le limitazioni dell’analogico – che indirettamente portavano i fotografi a diventare consapevoli della fotografia che facevano – sono aspetti che si possono adottare anche quanto ti approcci a fotografare in digitale.

Immagina ora di fare esattamente la stessa cosa con la tua reflex digitale.

L’ESERCIZIO ANALOGICO PER FOTOGRAFARE IN DIGITALE

Per un’anno intero vai a scattare solo con una focale, a tua scelta! Anzi, sono clemente e ti concedo tre focali.

  • 24m
  • 50mm
  • 200mm

Nota: anche se non hai esattamente queste focali non cogliere l’occasione per escluderti da questo esercizio. Prendi tre focali o fissa 3 focali sul tuo obiettivo zoom che si avvicinino a questi.

Per ogni uscita dovrai scegliere solo una focale da utilizzare, dovrai anticipare le condizioni di luce che potrai impostare e utilizzare solo una sensibilità ISO.

Per ogni uscita, stabilire un numero limitato di scatti, diciamo 36.

Massimo 36 scatti al giorno, nelle uscite di più giorni, esattamente come se avessi un rullino di 36 pose nel corpo macchina.

Fotografare in digitale

Quindi, riepilogando, ecco un esercizio da fare da qui in avanti per un anno:

  • scegliere 3 focali ed usarne solo 1 ogni uscita;
  • ogni uscita usare 1 sola sensibilità ISO;
  • ogni uscita fare al massimo 36 foto (come si disponesse solo di un rullo).

Finiti i 365 giorni con il digitale-analogico andrai ad analizzare e confrontare i tuoi scatti con quelli precedenti.

Ti anticipo un verdetto:le tue fotografie realizzate nell’ultimo periodo, saranno di gran lunga migliori di quelle che hai fatto in tutti gli anni precedenti.

E stranamente… non è stato merito dell’analogico ma solo di un “approccio” diverso alla fotografia.

Ah, ultima cosa importantissima. L’articolo ti è piaciuto? Lasciami un commento qui sotto o condividi l’articolo con i tuoi amici!

Flavius Filimon

Appassionato di fotografia particolarmente attento agli aspetti tecnici e tecnologici delle moderne fotocamere. Cerco di approfondire ogni particolare tecnologia per capire le potenzialità e tendenze del mercato fotografico.

Ti potrebbe anche interessare...