Manfrotto BeFree in Carbonio. Ecco come la penso - Tecnica Fotografica

Manfrotto BeFree in Carbonio. Ecco come la penso

Bene, è da un po’ che ho per le mani un treppiede particolare. Si tratta del modello Manfrotto BeFree versione in carbonio.

Ho già fatto una prima recensione che puoi trovare direttamente nel sito della Manfrotto a questo link, ma questa non vuole essere una copia della stessa. Ho voluto gestirla in un’altro modo — o almeno ci provo — per poter affrontare alcuni aspetti che magari possono essere utili per chi non sa ancora quale treppiede scegliere ed era però indirizzato verso questa tipologia di prodotto.

Manfrotto Befree

Dichiarazione etica: il materiale ci è stato inviato per la recensione. Non ci è stato chiesto di scrivere nulla sul prodotto, né ci è stato fornito compenso di alcun tipo. All’interno dell’articolo ci sono collegamenti di affiliazione. Se acquisti qualcosa dopo aver cliccato sul link, riceveremo una piccola commissione. Non preoccuparti: i prezzi rimangono gli stessi per te ma sostieni il progetto! Grazie!

COME SI SCEGLIE UN TREPPIEDE

Potrei annoiarti per l’ennesima volta con un articolo su come si sceglie un treppiede, testa ed accessori vari, ma ne ho già scritto uno che ritengo più che soddisfacente per chiarire tutti i dubbi, per questo ti invito eventualmente a leggerlo cliccando qui.

Questo articolo ha il semplice scopo di farti capire se le tue esigenze sono le stesse che ho io, e di conseguenza capire se questo treppiede vale i soldi che costa e se ha, di conseguenza, senso investire su questo articolo.

Prima di iniziare, specie se è la prima volta che leggi il mio blog, ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, dei materiali per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

A CHI È RIVOLTO

Manfrotto Befree
Da quello che ho potuto constatare testandolo per bene il treppiede Manfrotto Befree è adatto principalmente a chi cerca un treppiede:

  • leggero
  • compatto
  • trasportabile
  • ottimizzato

Quindi si tratta di un prodotto che da il meglio di se proprio se cerchi un treppiede pratico da portare in giro, che non ti faccia venir voglia di lasciarlo a casa, e che sia facile da aprire/chiudere. Non c’è nulla di più odioso che perdere troppo tempo a richiudere il treppiede ogni volta che devi spostarti dal punto A al punto B.

Clicca qui sotto per vedere la collezione completa sul sito Manfrotto: https://www.manfrotto.it/collezioni/supporti/collezione-befree/

Ecco un bel video che ne riassume le caratteristiche:

Hei… ti piace come sto gestendo questo articolo? Ti torna utile? Potrebbe tornar utile anche a qualche altro tuo amico? Allora perché non lo condividi sul tuo social preferito?

ALTRI USI CONSENTITI

Ho provato ad usare il treppiede anche in altri contesti, ad esempio per fare delle foto in studio con l’uso di Flash esterni.

In questo contesto si è comportato in modo egregio, ma non è un prodotto propriamente adatto a questa tipologia di lavori.

Il principale limite è sicuramente l’altezza massima che può raggiungere; infatti in studio ho dovuto alzarlo praticamente alla sua massima estensione e questo ne compromette la sua stabilità complessiva e resistenza alle vibrazioni (motivazioni tecniche spiegate nell’articolo dedicato alla scelta del treppiede).

ASPETTO COSTRUTTIVO

Manfrotto Befree
Dal punto di vista progettuale credo di non aver mai visto nulla di così ben realizzato, anche se si tratta comunque di un prodotto nello standard Manfrotto.

La struttura centrale del treppiede presenta una forma a stella molto particolare che permette alle tre gambe di racchiudersi riducendo moltissimo lo spazio ed ingombro.

Come puoi vedere dalla foto qui sotto è un attimo anche togliere l’asta centrale per posizionare la testa verso il basso, in modo da poter fare della fotografia macro ad esempio.

Manfrotto Befree
Sicuramente però, l’innovazione che sorprende sono il sistema di sblocco dell’ampiezza delle gambe. Non sono presenti dei pulsanti di sblocco/blocco, ma un innovativo sistema a molla che permette di scegliere 3 posizioni predefinite (due in realtà). Ecco una foto per farti capire:

Manfrotto Befree
Il sistema a molla ti permette di scegliere una delle tre posizioni:

  1. la prima va selezionata quando devi richiudere il treppiede
  2. la seconda serve per tenerlo in posizione standard.
  3. la terza per una pozione per portare il treppiede a pochi centimetri da terra.

Esclusa la prima si può parlare in pratica di 2 posizioni selezionabili.

Manfrotto Befree
Manfrotto Befree

MATERIALI

Il treppiede Manfrotto BeFree in versione “carbonio” ovviamente sarà composto in carbonio, ma in realtà non è del tutto vero. Il treppiede ha i vari settori delle gambe composti in carbonio, ma alcuni elementi sono realizzati in materiali compositi.

Le leve di sblocco dei giunti sono realizzati in materiale plastico (i giunti invece no, sono in metallo), mentre l’asta centrale che si può regolare in altezza è di alluminio.

Manfrotto Befree
Non sono stati i giunti in plastica a lasciarmi perplesso, ti posso garantire che sono di una plastica molto rigida che sembra quasi metallo, non mi stupisco se tecnicamente possa essere anche più resistente; in passato ho avuto dei treppiedi che si sono rotti proprio nei giunti metallici (specie a seguito di intensi sbalzi termici).

Quello che mi ha lasciato un po’ perplesso è stata l’asta centrale in alluminio.

Non ho ben compreso per quale motivo non sia stata fatta in carbonio anche quella e probabilmente sarebbe anche stata apprezzata di più. Dal lato pratico, comunque, non cambia nulla… l’eventuale differenza di peso sarebbe praticamente impercettibile.

LA TESTA

Manfrotto Befree
La testa del treppiede è una classica a sfera di piccole dimensioni, composta da un solo morsetto di sblocco/sblocco, perfettamente costruita per essere integrata con l’spetto costruttivo del treppiede.

La testa ha una forma specifica ed adatta al treppiede per non ostacolare la chiusura delle gambe del treppiede in modo da conferirgli una dimensione ancora più compatta rispetto a quanto offre la concorrenza.

Manfrotto Befree
Per contro la testa adotta il classico attacco Manfrotto, mentre io sarei più favorevole all’utilizzo di un attacco più diffuso e standard che è quello Arca Swiss, se non altro perché ormai molti attacchi per fotocamere sono ottimizzati su questo sistema.

RESISTENZA ALLA TORSIONE

Di che cosa si tratta? E’ un test che mi ha chiesto di fare un conoscente; consiste nel posizionare il treppiede con le gambe aperte ben fissate a terra e poi provare a ruotarlo su se stesso per capire se si flette e di quanto (appunto verificare qual’è la sua resistenza alla torsione).

E’ difficile dare un valore, considerato anche che non ho degli strumenti idonei per fare questo tipo di test, ma si evidenzia una certa flessione marcata nel contesto in cui si estende anche l’ultima parte più fina della gamba.

Non va tuttavia inteso come un aspetto negativo o peggiorativo. Sicuramente esistono treppiedi con una resistenza maggiore alla torsione (posso pensare ad esempio al più robusto Manfrotto 055Pro), ma non devi dimenticare che si tratta di un treppiede votato per la portabilità, e per questo dotato di 4 sezioni allungabili che ovviamente ne compromettono la rigidità complessiva quando esteso alla massima altezza.

Manfrotto Befree

COSA MI È PIACIUTO

  • l’aspetto costruttivo
  • le dimensioni
  • la semplicità d’uso
  • la funzionalità

COSA SI PUÒ MIGLIORARE

  • l’asta centrale in carbonio
  • il sistema di sicurezza di aggancio della testa

COSA NON MI È PIACIUTO

  • L’asta centrale in alluminio
  • L’utilizzo di un attacco “non standard” come potrebbe essere l’arca swiss

VUOI VEDERE UN ULTIMO VIDEO?

Ecco un video che mostra il reparto produttivo della Manfrotto. E’ sempre molto intressante vedere chi sta dietro alla realizzazione di questi prodotti:

https://www.youtube.com/embed/PFjk5sSkyPo

Se vuoi acquistare il treppiede Manfrotto BeFree, o semplicemente vedere quanto costa, puoi trovarlo su Amazon al miglior prezzo sul mercato; ecco i link diretti: clicca qui

Siamo giunti alla fine del post. Aspetto i tuoi commenti e le tue riflessioni nei commenti…! In più, se l’articolo ti è piaciuto, ti chiedo semplicemente di condividere questo articolo sul tuo social network preferito!

Alessio

Blogger, Autore, Fotografo ed Imprenditore Online, Questo è il mio progetto più importante. Guarda le mie foto su 500px o SmugMug.

Ti potrebbe anche interessare...