OLYMPUS PEN-F secondo Tecnica Fotografica Weblog

OLYMPUS PEN-F secondo Tecnica Fotografica Weblog

La Olympus PEN-F è una fotocamera mirrorless (se vuoi approfondire cosa sono questo tipo di fotocamere clicca qui) della famiglia delle digitali dotate di sensore MFT (Micro 4/3).

olympus pen-f
Olympus produce varie tipologie di fotocamere: la serie OM-D, PEN e STYLUS, ma questo modello esce un pochino dagli schemi e come tale ha portato a due reazioni molto diverse tra gli appassionati:

  • chi la trova estremamente geniale
  • chi la trova estremamente fallimentare

La stessa Olympus la ben categorizzata e differenziata, infatti pur essendo una fotocamera della serie PEN ha delle caratteristiche del tutto personali, anche nel firmware.

Alla fine dell’articolo ti dirò come la ritengo, ma ti consiglio di leggere nel frattempo tutti questi vari aspetti di cui voglio parlarti.

NOTE PRELIMINARI

Non vorrei far passare questo articolo per una “recensione”. Prima di tutto perché non viene fatta tramite l’uso di apparecchiature tecniche di misurazione o tramite un metodo di confronto definito ed applicato in modo sistematico. Si tratta di pareri ed impressioni personali derivati dall’uso della fotocamera ed obiettivi acquistati o forniti in prova.

Dichiarazione etica: il materiale recensito è stato acquistato direttamene da Tecnica Fotografica. Non ci è stato chiesto di scrivere nulla sul prodotto, né ci è stato fornito compenso di alcun tipo. All’interno dell’articolo ci sono collegamenti di affiliazione. Se acquisti qualcosa dopo aver cliccato sul link, riceveremo una piccola commissione. Non preoccuparti: i prezzi rimangono gli stessi per te ma sostieni il progetto! Grazie!.

Con l’occasione, specie se è la prima volta che leggi il mio blog, ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, delle guide per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

CARATTERISTICHE DISTINTIVE

olympus pen-f
La fotocamera è dotata di un mirino elettronico, come quasi tutte le mirrorless moderne, ma posizionato sul lato sinistro della fotocamera (in altri modelli invece si trova al centro).

Questa caratteristica la rende ideale per due scopi:

  1. se impari ad usare l’occhio destro per mirare, la fotocamera non sbatterà mai addosso al tuo naso. Questa caratteristica è ideale considerato che si tratta di una fotocamera molto compatta.
  2. tutti i comandi sono stati ottimizzati per un uso con la mano destra, quindi potrebbe essere scomoda se sei un mancino.

MENU FOTOCAMERA

Ho per le mani (o ho avuto) varie fotocamere, tra cui alcune Olympus e trovo il menù tra i meno intuitivi.

olympus pen-f
In pratica è abbastanza complesso. Ma c’è un motivo.

La Olympus PEN-F, anche se esternamente sembra una fotocamera “vintage”, racchiude al suo interno il top della tecnologia messa a disposizione da Olympus.

  • Stabilizzatore d’immagine;
  • Funzione Live Compose;
  • 6 modalità di Bracketing (ISO, WB, ART, FL, FOCUS, AE) con successivi 11 sotto-settaggi del Bracketing sull’esposizione (in modalità AE) solo per fare un esempio…

Per spiegare tutto ci vorrebbe un manuale di 50 pagine, ed infatti è proprio questo forse il suo problema: è talmente avanzata che è quasi impossibile ricordare tutte le funzionalità e personalizzazioni possibili e sopratutto risulta complesso fare un menù semplice. Dal lato opposto però non ci sono dubbi: la fotocamera può essere personalizzata sulla base delle esigenze di ogni persona.

Prima di continuare ti chiedo un piccolo favore. A te non costa nulla, mentre a me serve per migliorare la visibilità di questo post.

USO PRATICO

olympus pen-f

[Clicca qui per scoprire il miglior prezzo online su Amazon]

La fotocamera nonostante le sue dimensioni estremamente ridotte risulta ottimamente bilanciata (se usata con la triade di obiettivi che consiglio in questo articolo) e con i comandi essenziali perfettamente al loro posto.

Se hai le mani più grandi della media potresti riscontrare qualche difficoltà, anche utilizzando il grip aggiuntivo dedicato (clicca qui per vederlo), ma purtroppo questa è una caratteristica che bene o male identifica tutte le mirrorless compatte.

GHIERE E COMANDI

olympus pen-f
Rispetto alle sorelle OMD E-M5II oppure OMD E-M1 le ghiere, pulsanti e settaggi messi a disposizione sono molte meno, tuttavia quelle che hanno lasciato sono semplicemente quelle che servono e si concentrano sulla parte superiore:

  • Rotellina anteriore/posteriore per la gestione dei tempi/diaframmi come nello standard reflex.
  • Rotellina per la gestione della compensazione dell’esposizione.
  • Selettore della modalità di scatto.
  • Tasto di scatto ovviamente + quello di registrazione.

Nel dorso poi si trovano altri pulsanti per l’accesso al menù principale, menù rapidi, tasti funzione ecc…

olympus pen-f

[Clicca qui per scoprire il miglior prezzo online su Amazon]

Tutte cose che nel complesso vai a regolare una volta prima della serie di scatti che vuoi fare.

SELETTORE ANTERIORE

olympus pen-f
Caratteristica distintiva della PEN-F è la ghiera anteriore per la selezione di alcune funzioni predefinite tra le quali spicca:

  • selettore COLOR
  • selettore MONO

Selezionando uno di questi parametri la fotocamera permette una personalizzazione estrema sulle caratteristiche e stile dell’immagine che vogliamo ottenere.

Ad esempio in COLOR hai modo di impostare la saturazione di 12 tonalità di colore singolarmente sfruttando 11 micro variazioni.

In MONO, ovvero la modalità che ti da solo immagini monocromatiche, puoi personalizzare il bianco e nero gestendo 9 filtri colore su 4 densità dello stesso.

Guarda qui sotto un video di presentazione nel quale puoi anche vedere le funzioni speciali Color/Mono che ti ho indicato:

 

Onestamente non conosco nessuna fotocamera che arrivi a questo livello di personalizzazione con una facilità di questo genere. Merito va dato agli ingegneri che hanno progettato e sviluppato il processo di personalizzazione.

Ah dimenticavo… si possono anche regolare le curve a punto singolo. Incredibile.

QUALITA’ IMMAGINE

olympus pen-f

Foto JPG in Bianco e nero direttamente “on-camera”
La qualità d’immagine è sempre uno degli aspetti che cattura maggiormente l’attenzione degli utilizzatori ed appassionati di fotografia, ma ancora di più è stato il fatto che la Olympus PEN-F è dotata di un sensore MFT con una risoluzione di 20,3 Megapixel.

È la prima fotocamera dove Olympus piazza una risoluzione così spinta. Fin prima si era rimasti sulle 16,1 Megapixel quindi è logico farsi alcune domande come:

  • ma questo sensore micro 4/3 è in grado di sopportare una risoluzione così spinta?
  • ma tutta questa risoluzione in una sensore così piccolo non rischia di causare l’insorgere di tanto rumore digitale?

olympus pen-f

Foto JPG direttamente dalla fotocamera (effetto oncamera)

Sfatiamo un paio di miti

La prima risposta: la differenza tra un sensore digitale formato APS e uno MFT (micro 4/3) è meno elevata di quello che si pensa. Una delle domande che mi vengono fatte più spesso da chi “è al corrente” che uso anche fotocamere MFT riguarda proprio questi aspetti.

Qui sotto, tratto dal corso di fotografia online da me realizzato, un’immagine che ti fa capire le dimensioni dei sensori più diffusi:


A volte ho come l’impressione che nell’immaginario comune stiamo parlando della differenza tra un sensore APS di una fotocamera Reflex e quello di uno smartphone (o cellulare), ma ragazzi… non stanno così le cose.

La seconda risposta: la matematica non è un’opinione pertanto è assolutamente vero che 20,3 Megapixel in un sensore MFT significa che sono più densi rispetto a quelli stipati in un sensore APS ed ancor più rispetto ad un FullFrame. Tuttavia, se anche voi siete della generazione che ha vissuto l’esplosione delle fotocamere digitali, allora avrete ben presente come la tecnologia si è evoluta negli anni.

Le prime Reflex con sensore APS erano inutilizzabili già a 800 ISO ed avevano solo 6 megapixel! Oggi una fotocamera digitale moderna ad 800 ISO non dimostra quasi differenze rispetto alla sensibilità base di partenza.

Il concetto è che il sensore MFT sopporta molto bene gli ISO elevati. Personalmente riscontro un po’ più di rumore ad alti ISO rispetto alle immagini generate da una fotocamera dotata di sensore APS (e FullFrame ovviamente), tuttavia se fate un salto nel gruppo Italiano su Facebook dedicato alle fotocamere Olympus, troverete chi sa darvi dei suggerimenti su come gestire al meglio i file generati dai sensori MFT e ridurre al minimo (o annullarne) le differenze.

FUNZIONI SPECIALI

Una cosa che non ho capito nella strategia pubblicitaria di Olympus è il perché non diano ampio spazio alle funzioni speciali che io onestamente trovo fenomenali.

  • La funzione LiveCompose che in sostanza permette di fare degli scatti multipli per periodi di tempo prolungati con la fotocamera che si preoccupa di analizzare e registrare solo le variazioni luminose. In pratica puoi fare degli startrail on camera o foto astronomiche ottenendo alla fine un FILE RAW!

olympus pen-f

Startrail con il LiveCompose

  • La funzione HI-RES che permette di sfruttare i micromovimenti dello stabilizzatore per realizzare foto con una risoluzione di 50 megapixels se scatti in JPG oppure la spaventosa risoluzione di 80 megapixels se scatti in RAW! E non stiamo parlando i interpolazioni digitali, ma di pixel reali!

OTTICHE PEN-F

Ho sempre avuto un’idea chiara sulle mirrorless ideali: devono essere fotocamere qualitativamente all’altezza delle reflex ma garantire una compattezza ed ingombri tali da poter essere portate sempre con se (o permetterne un utilizzo più agevolato).

Sotto questo punto di vista con le fotocamere MFT sei su una “botte di ferro” perché il sensore è stato studiato proprio per ottimizzare l’uso degli obiettivi, che sono molto più piccoli e compatti rispetto ai rispettivi formati APS/FullFrame.

A condimento di questo va ricordato che la PEN-F, come tutte le ultime Olympus prodotte, hanno uno dei più evoluti stabilizzatori d’immagine integrati nel sensore.

Ad ogni modo io posso consigliare come obiettivi ideali per questa fotocamera la triade:

In aggiunta suggerisco eventualmente di valutare questi:

Se invece cerchi la versatilità:

CONCLUSIONI

olympus pen-f

[Clicca qui per scoprire il miglior prezzo online su Amazon]

Questa non è una recensione tecnica o basata su analisi scientifiche, ma un report di come viene percepita la fotocamera dopo alcuni medi di utilizzo.

Voglio inoltre precisare che la fotocamera non mi è stata fornita in prova dal produttore o distributore (anche se ammetto di aver provato a richiedere una demo), ma si tratta di fotocamera ed obiettivi da me acquistati.

PUNTI DEBOLI O DA MIGLIORARE

Vorrei dire che il menù necessita di una riorganizzazione e rimodernamento per renderlo più “semplice” da usare ma, come ho già espresso nel paragrafo poco sopra, non so quanto sia fattibile.

Di fatto il menù è uno degli aspetti dove tendono a cadere le critiche degli utilizzatori (specie chi si avvicina al mondo Olympus da altri brand come Canon/Nikon/Fujifilm).

Per quanto mi riguarda, avendo potuto usare anche la Fujifilm X-T1, un voto negativo lo darei al mirino e menù grafico dello schermo LCD.

Al confronto proprio con la X-T1, gli indicatori nel mirino ottico nelle Olympus sembrano poco definiti (specie l’istogramma in tempo reale) mentre in quello Fujifilm sembrano i display di un caccia moderno.

Speriamo migliorino questa cosa con una aggiornamento firmware quanto prima.

PUNTI DI FORZA

Si percepisce subito prendendola in mano il fatto che la fotocamera è molto solida, con un progetto ben studiato alle spalle e realizzata con l’obiettivo di creare un prodotto diverso da tutti gli altri.

Non è come la serie OMD EM1… 5… 10… seguite poi dalle varie MarkII, MarkIII, MarkIV ecc… o come le altre serie PEN (EP o EPL). Questa è una Olympus PEN-F e sembra proprio un prodotto finito senza necessità imminenti di sviluppi o miglioramenti.

Non so se Olympus seguirà quello che ha fatto Fujifilm con la serie X-Pro: una fotocamera anch’essa “fuori dagli schemi” e rinnovata solamente dopo circa 4 anni. Tuttavia sembra proprio che la PEN-F sia una di quelle fotocamere che prendi ora e che non vedrai rapidamente sostituita dopo meno di un anno dalla “PEN-F MarkII” e questa è una cosa che mi piace!

Dal lato delle funzionalità e personalizzazione Olympus sbaraglia tutti: come si può ribattere alla possibilità di fare uno startrail on-camera sfruttando il sistema LiveCompose o fare uno scatto Hi-Res che ti fa ottenere un file RAW da 80 megapixels reali?

A CHI È RIVOLTA

olympus pen-f
Questa tipologia di fotocamera viene categorizzata come una replica “vintage” (richiama infatti sul nome e sull’estetica la PEN-F a pellicola degli anni ’60) ma è tecnologicamente una mirrorless TOP di gamma.

Se cerchi una fotocamera ergonomica forse per te è più indicata una OMD-EM1 (oppure EM5), ma se invece ti interessa l’estrema discrezione e passare quasi inosservato tra la gente o fotografando la gente, allora questa fotocamera è il tuo coltellino svizzero.

Se la doti di un obiettivo come il 17mm o 25mm diventa ottima da tenere sempre dietro, nel marsupio o borsello, sicuro di avere tra le mani uno strumento che genera ottime immagini.

In altre parole, se vuoi sapere come la penso, la trovo estremamente geniale!

LINK UTILI ED INTERESSANTI

Se vuoi approfondire gli aspetti di questa fotocamera ti consiglio di dare un occhio alle recensioni del sito di riferimento mirrorlessons.com (in inglese). Ecco i link diretti:

Alessio

Blogger, Autore, Fotografo ed Imprenditore Online, Questo è il mio progetto più importante. Guarda le mie foto su 500px o SmugMug.

Ti potrebbe anche interessare...