Come fotografare le stelle. Introduzione allo startrail

Fotografare le stelle e meteore è una tecnica fotografica che attira l’interesse di tanti fotografi ed appassionati e basa la sua forza in una delle caratteristiche fondamentali in fotografia: rappresenta una realtà che l’occhio umano non è in grado di percepire. Quando si parla di come fotografare le stelle si fa un diretto riferimento allo “startrail” e consiste in pratica nell’effettuare un tempo di scatto sufficientemente lungo al cielo stellato, o una somma di scatti uniti tra loro, in modo tale da catturare in un arco di un tempo molto lungo, la scia lasciata dalle stelle.

Ovvio… a parte le stelle cadenti e le comete (per le quali trovi una specifica vs. la fine di questo articolo), non sono le stelle che si muovono, ma si tratta del movimento terrestre che ci da l’impressione che si stiano spostando. È lo stesso effetto che puoi sperimentare quando sei a bordo di un treno e ne hai uno affianco che comincia a muoversi: non è facile capire se ti stai muovendo tu o il treno affianco.

A ogni modo, con questo articolo ti voglio introdurre a questa fantastica tecnica fotografica.

Prima di iniziare, specie se è la prima volta che leggi il mio blog, ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, delle guide per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

fotografare le stelle

CONDIZIONI PRELIMINARI PER FOTOGRAFARE LE STELLE

Come per tutte le procedure adottate per la fotografia notturna, anche lo startrail richiede pre-condizioni che influenzano il lavoro fotografico in modo decisivo al punto tale da renderlo perfino vano. A tale proposito voglio mostrarti una check-list che dovrai prendere in considerazione tutte le volte che deciderai di fotografare le stelle per realizzare il tuo capolavoro di startrail.

#1. SCELTA DEL LUOGO

Scegli con cura il luogo da dove eseguirai le riprese fotografiche, esamina correttamente la sua posizione geografica rispetto alla tua abitazione in modo da calcolare orari di spostamento ed eventuali circostanze di ritardo. Ti consiglio di leggere questo articolo per farti un’idea su come puoi organizzare un’escursione fotografica.

fotografare le stelle

#2. VALUTA L’AMBIENTE CIRCOSTANTE

Un sopralluogo eseguito almeno un paio di volte prima dello scatto è sempre una buona idea, sia per memorizzare in modo definitivo il percorso sia per prendere in considerazione percorsi alternativi migliori in caso d’impedimento o d’imprevisti nel tragitto.

#3. NON TRASCURARE L’ASPETTO METEOROLOGICO

Può apparire superfluo ricordare che in caso di nebbia, foschia, nubi sparse, o ancora peggio condizioni meteorologiche avverse è impossibile eseguire un buon startrail. E’ opportuno verificare attraverso i siti internet (ce ne solo oltre 50 tutti in parte attendibili) facendo riferimento alla zona in cui andrai ad eseguire le riprese fotografiche.

TIENI A PORTATA DI MANO UN CALENDARIO LUNARE

La Luna è in parte nemica quando vuoi fotografare le stelle soprattutto quando il calendario lunare ti dice che ci sarà “Luna piena”. La luce prodotta dalla Luna ostacola questo tipo di lavoro fotografico. Il cielo dovrebbe essere completamente buio per ottenere un eccellente startrail. Scegli se ti è possibile eseguire le riprese nei giorni in cui vi è luna nuova.

Trova in rete i calendari lunari, spesso forniscono ottime indicazioni a riguardo, oltre alla posizione e al tipo di Luna in atto in un determinato giorno.

fotografare le stelle

ASSICURATI DI ESSERE LONTANO DA FONTI LUMINOSE

Le fonti luminose non solo condizionano il risultato quando devi fotografare le stelle, ma spesso impediscono la fotografia notturna in genere. Evita tutti quei luoghi dove l’inquinamento luminoso potrebbe arrecare un forte disturbo. Considera luoghi fuori dalla città o da aree densamente abitate, scegli per quanto possibile località in aperta campagna, dove il nero notturno sembra palpabile.

Molti veterani dello startrail consigliano di salire in quota, ossia di scegliere luoghi sulle sommità di vette o colline lontane dai centri abitati. Io sconsiglio tuttavia anche luoghi in prossimità di fari, fanali e segnalatori per navi o aerei. Un altro pericolo per la perdita di un buon lavoro potrebbe essere la presenza di velivoli, quindi attenzione ad aeroporti, eliporti o piste private per i modellisti.

VARIAZIONI CREATIVE

A deroga di quanto sopra indicato, ti consiglio di scrivere che tipo di riprese vuoi portare a termine. Molte volte si potrebbe andare oltre lo startrail standard e quindi elementi come un faro o delle luci cittadine o di un ponte a distanza potrebbero far parte della composizione. Valuta con attenzione quali riprese fotografiche intendi fare e prendi in considerazione esclusivamente gli elementi che faranno parte dello scatto.

Alcuni per esempio hanno avuto la possibilità di scattare in cimiteri abbandonati o alla presenza di statue e monumenti rupestri ottenendo risultati fantastici ed esclusivi.

via lattea

ABBIGLIAMENTO E GENERI DI CONFORTO

Evitare ipotesi azzardate sulla temperatura, spesso si è convinti, anche in estate, che la notte possa seguire l’escursione termica diurna, in moltissimi casi non è vero. La notte può far freddo, provvediti sempre un abbigliamento suppletivo nel caso in cui quello “da campo” non sia sufficiente. Porta sempre con te qualche bevanda eccitante per affrontare la notte e magari qualche snack per restare leggero.

ULTIMI ACCORGIMENTI

La notte è sempre teatro di eventi imprevisti o imprevedibili, soprattutto se ci si muove da soli e in zone che non si conoscono. Non dimenticare di avere al seguito un telefonino (la cui ricezione sia stata verificata durante i sopralluoghi del posto scelto), e se vuoi proprio stare al sicuro puoi trovare facilmente alcuni razzi di segnalazione nel caso in cui ti trovassi in imprevedibili cambiamenti di tempo o in situazioni fuori controllo.

Purtroppo, oggi come oggi, chi può dovrebbe pensare anche a un’eventuale difesa personale (questo vale per luoghi completamente isolati), da animali o persone. Molti colleghi fotografi non disdegnano l’uso di tende canadesi o a rapido montaggio nei casi in cui ipotizzano di passare tutta la notte fuori non volendo riposare in automobile.

ATTREZZATURA PER FOTOGRAFARE LE STELLE

fotografare le stelle

LA FOTOCAMERA È ALLA BASE

Ai nostri giorni è possibile scattare anche con un telefonino, questo lo sappiamo bene, ma se vogliamo scattare da professionisti o in modo decente, dobbiamo abbandonare l’idea di ”pressapochismo”.

E’ necessario possedere almeno una reflex o mirrorless per fotografare le stelle e limitare l’insorgere di eventuale rumore nel caso in cui fai delle esposizioni lunghe oppure sei costretto ad aumentare la sensibilità ISO.

Ti ricordo che la camera deve avere la modalità bulb, conosciuta anche con il nome di posa B (tutte le moderne reflex e mirrorless supportano questa funzione, anche le entry level), il cui scopo è di personalizzare il tempo di esposizione superando, di solito, i tempi standard previsti dal selettore manuale.

SUPPORTI E OBIETTIVI

Insieme ad una camera decente è necessario possedere un obiettivo altrettanto decente. Tuttavia la scelta dell’obiettivo dipende molto dalla tua idea di startrail. Potresti usare un obiettivo grandangolare che abbia almeno un’apertura di f/2,8 qualora tu decida di riprendere tutto il cielo notturno disponibile o avere grandi porzioni di ambiente da includere.

Alcune teorie fotografiche propendono per gli obiettivi luminosi, ma anche in questo caso è una scelta poiché bisogna prendere in considerazione la sensibilità ISO che la macchina supporta per evitare il rumore digitale.

Condicio sine qua non è il treppiede. Non è possibile fotografare le stelle in modo soddisfacente senza un treppiede robusto, in grado di reggere la camera per il tempo (a volte lungo) necessario. Evita i treppiedi eccessivamente economici, assicura la tua fotocamera sempre ad un treppiede di marca già nota e dalle caratteristiche idonee. Non sottovalutare la brezza, lieve per quanto sia, è in grado di produrre del micro-mosso e condizionare la nitidezza dell’immagine. Se poi la giornata è ventosa ed il treppiede è scadente, allora potete dire addio a un lavoro di qualità.

Tra i supporti irrinunciabili c’è sicuramente il telecomando. Anche in questo caso il telecomando riduce sensibilmente le vibrazioni e le oscillazioni cui la fotocamera potrebbe essere soggetta. In alternativa puoi usare al posto del telecomando le opzioni di scatto programmabile che di solito hanno tutte le fotocamere. Anche se queste procedure possono apparire noiose, è utile dirti che tutto quello che farai sarà necessario per ottenere una foto quanto più nitida possibile.

Un’ultima menzione circa l’attrezzatura obbligatoria va fatta per le batterie. Se hai un battery grip è molto meglio, evitando i rischi connessi ad un’inaspettata riduzione della carica, o peggio ancora dover cambiare le batterie scariche nel momento meno adatto.

MODALITÀ E PROCEDURE PER FOTOGRAFARE LE STELLE

mirrorless

GENERALITÀ

Parto dal presupposto che non esiste una procedura, bensì esistono differenti modi di leggere la scia notturna delle stelle in base al lavoro creativo che s’intende perseguire e gli effetti finali che si vogliono cogliere nella ripresa.

Un consiglio spesso offerto da molti esperti di questa tecnica è di disattivare tutte le impostazioni e le funzioni automatiche prima della ripresa, concentrandosi solo ed esclusivamente su quello che si ha intenzione di fare. La disattivazione delle funzioni automatiche oltre a influire sul risparmio della carica della batteria, potrebbe influire anche sul risultato finale. Tutta la procedura dovrà essere eseguita manualmente dal fotografo.

POSIZIONE DELLE STELLE ED ORIENTAMENTO

Ragiona come una bussola e non perderai l’orizzonte. Impara a riconoscere la stella polare e parti proprio da questa per costruire il tuo lavoro creativo. La stella polare, infatti, è allineata sull’asse terrestre e questo determina un corretto centro di fuga. Mentre la stella polare rimane ferma, tutte le altre le girano attorno. Non è un caso se la stella polare è stata da sempre considerata il punto di riferimento visivo per ogni attività connessa con le stelle, l’orientamento e la navigazione.

Modifica l’asse di puntamento della camera solo dopo aver capito dove si trova la stella polare. Fai anche dei test preliminari per stabilire meglio la posizione della fotocamera.

SETTAGGI DI BASE

Adesso passiamo alla tecnica di scatto vera e propria, quella che richiede l’intervento e il genio creativo del fotografo. Esaminiamo passo per passo i settaggi di base:

a) Tempi, usa dei tempi compresi tra i 20–22 ed i 30–35 secondi, ricordando di avere lo scatto impostato su scatto continuo. Molti fotografi sembrano trovare proficuo un tempo di scatto intorno ai 28 secondi.

b) Sensibilità ISO, la corretta scelta dell’Iso sarà una delle cose più importanti che dovrai imparare man mano che testi gli scatti e le sequenze startrail. Spesso, erroneamente, si abbassano gli ISO tentando di raggiungere risultati di una certa consistenza, ma non è vero. Gli alti iso giocano un ruolo chiave nell’immagine fotografica notturna. E’ vero che una ISO molto alta produce del rumore, ma è altresì vero che le fotocamere dei nostri giorni, anche quelle entry level, lavorano con una buonissima qualità della nitidezza e con un trascurabile rumore anche a 400/800 ISO, che dovrebbero rappresentare la base di partenza per questo tipo di scatto. Evitate di scattare a 100 ISO, potreste non ottenere il risultato sperato e rimanere delusi.

c) Messa a fuoco, sicuramente adottare una messa a fuoco all’infinito in modo da inquadrare correttamente quello che l’ambiente ci mette a disposizione. Ti consiglio di utilizzare questo tipo di messa a fuoco quando è possibile, evitando la messa a fuoco automatica, per ridurre l’ipotesi che la macchina sprechi risorse nella ricerca di questa. Tuttavia potresti anche mettere a fuoco la stella più luminosa (vedendola con una discreta nitidezza) e partire con lo scatto da questa soluzione.

MODO DI ESECUZIONE

Una volta che i settaggi sono stati tutti impostati, puoi finalmente procedere allo scatto vero e proprio. Un solo accorgimento è utile: esegui uno scatto di prova ed assicurati che stelle e primo piano eventuale siano perfettamente a fuoco. Se scatti in raw, ed io te lo consiglio, puoi evitare il bilanciamento del bianco, per gestirlo in fase di post-produzione. Adesso siamo pronti.

  1. Con il telecomando a portata di mano inizia il tuo percorso di ripresa fotografica startrail premendo il tasto di scatto e in seguito bloccalo avendo cura di non lasciar passare troppo tempo tra una foto e la successiva. Alcuni aspettano mezzo secondo, altri un secondo, altri ancora qualche secondo per far respirare il sensore. La regola è testare, testare, testare!
  2. Scatta un elevato numero di fotogrammi, cosi avrai una riserva sufficiente per “montare” il lavoro finale. Di solito con 400 scatti riesci ad ottenere un cerchio completo, una quantità inferiore potrebbe non bastare se intendi ottenere un effetto circolare suggestivo.

ED INFINE LA POST-PRODUZIONE

monitor per fotografia

Una volta prodotte le immagini, dovrai rivederle una ad una con cura e quindi predisporle per il loro montaggio finale. In questo caso puoi scegliere la via difficile di Photoshop, oppure quella più facile con il software denominato STARTRAILS che è disponibile sulla rete e udite! udite! È gratis. Lo trovi a questo indirizzo web: http://www.startrails.de/html/software.html selezionando l’area di download.

I passaggi per generare l’immagine finale dopo l’installazione del prodotto sono semplici:

  1. Apri il software;
  2. Carica le immagini attraverso l’apposito menu;
  3. Premi il tasto “salva” per generare il lavoro finale.
  4. Prova a post produrre il lavoro ottenuto con altri software ritoccando le tinte, la temperatura, il bilanciamento del bianco, insomma divertiti!

COME FOTOGRAFARE LE STELLE CADENTI

Come per il normale startrail, è preferibile che tu scelta un posto con poco inquinamento luminoso, ovvero un luogo lontano da fonti luminose artificiali come le grandi città, strade trafficate con lampioni ecc

Non è necessario usare dei teleobiettivi. In fondo il tuo scopo è catturare delle scie, pertanto è preferibile usare piuttosto un obiettivo grandangolare e meglio ancora fish-eye in modo da attuare una porzione molto ampia della sfera celesta.

IMPOSTAZIONI DELLA FOTOCAMERA

È preferibile usare una fotocamera che permette di scattare in modalità “M” (Manuale) in modo che tu possa impostare il diaframma, tempo ed ISO senza preoccuparti che la fotocamera intervenga con degli automatismi.

Essendo uno scatto “anomalo” è un po’ difficile usare una delle modalità semiautomatiche (Priorità diaframma o tempo). Se la tua fotocamera non ti permette questa modalità di scatto prova ad usare la modalità “scena notturna” o “fuochi d’artificio”. Specie i “fuochi d’artificio”, sono molto simili al fotografare delle stelle cadenti.

IL DIAFRAMMA DA USARE

Il valore del diaframma è segnato come “f/” e per fotografare le meteore ti consiglio di impostarlo sul suo valore di apertura maggiore (che significa impostare un valore molto basso di f/.. come f/2.8 se la tua obiettivo arriva a tanto).

IL TEMPO DI SCATTO

Indicativamente per catturare le stelle cadenti è necessario usare dei tempi di scatto lunghi sull’ordine dei 15–30 secondi di esposizione in modo da poter catturare tutta la scia della meteora (stella cadente).

Ovviamente la fotocamera va fissata su un buon treppiede.

SENSIBILITÀ ISO

Per questo tipo di scatti è meglio alzare gli ISO, facendo però attenzione al rumore che potrebbe sorgere se esageri.

In linea di massima tieni a mente una regola che può aiutarti a capire qual’è il limite massimo oltre al quale non ti consiglio di andare. Fai in questo modo:

  • La tua fotocamera arriva a 3200 ISO al massimo? Allora non andare oltre gli 800–1600 ISO.
  • La tua fotocamera arriva a 1600 ISO al massimo? Allora non andare oltre gli 400–800 ISO.

In pratica non devi andare oltre la metà della sua capacità massima di sensibilità possibile.

IN CHE DIREZIONE?

Per le stelle cadenti di “San Lorenzo” bisogna orientarsi verso nord est (le scie sembrano provenire dall’interno della costellazione di Perseo).

LIVE COMPOSITE OLYMPUS PER FOTOGRAFARE LE STELLE

Fuori da tutti gli schemi quali potresti essere abituato, Olympus ha introdotto una funzionalità estremamente interessante ed efficace per fotografare le stelle che si chiama: LIVE COMPOSITE.

https://youtu.be/mrF6oskFkbk

Si tratta in pratica di una funzionalità, attualmente presente nelle mirrorless Olympus, che ti permette di fare delle esposizioni multiple molto lunghe a tempo indeterminato (l’unico limite è la durata della batteria) dove la fotocamera “somma” ogni scatto rendendo visibile esclusivamente la variazione di luminosità ma lasciando inalterati tutti gli elementi.

In pratica la fotocamera fa uno scatto iniziale con dei parametri da te definiti e la usa come “base” sulla quale valutare le variazioni di luminosità. Successivamente, sempre in base a dei parametri da te definiti, effettua una serie di scatti in sequenza registrando esclusivamente le variazioni di luminosità rispetto allo scatto iniziale di base.

Questo porta in pratica all’ottenimento di uno scatto finale dove la foto presenta tutta la scia delle stelle che nell’arco delle esposizioni si sono “spostate”.

Questa funzionalità solleva il fotografo da tutta la problematica di “elaborare” le immagini realizzate con il metodo tradizionale in quanto ottiene un file finale, anche in formato RAW se lo desidera, a dir poco perfetto.

Siamo giunti alla fine del post. Aspetto i tuoi commenti e le tue riflessioni nei commenti…!

CONCLUSIONI

Come hai potuto vedere la procedura per fotografare le stelle è davvero semplice. A questo punto prima di terminare ti rammento che più prove eseguirai, migliori saranno i risultati finali quando affinerai le tecniche e l’esperienza. Magari per la prima volta accontentati del lavoro che hai svolto premiandoti con un bel ”bravo” e in seguito sviluppa meglio le tecniche adeguandole alle tue esigenze.

// Active Campaign