Scegliere la fotocamera: tutto quello che devi sapere

ssmrpkulurm.jpg

Devi scegliere la fotocamera digitale e non sai da che parte cominciare? Reflex, Mirrorless e Bridge per te sono semplicemente delle fotocamere senza nessuna sostanziale differenza, se non estetica? Allora sicuramente questo articolo fa per te! Ti piace la fotografia e sei quasi deciso o decisa a fare un corso o workshop. Sicuramente vorrai dotarti di una fotocamera digitale adeguata, senza presentarti con la tua compatta che ormai ti sta stretta.

Nulla contro le compatte, sia chiaro, non è lo strumento che rende fotografi, ma indubbiamente se i tuoi presupposti non sono quelli di fare delle foto ricordo, ma sono quelli di migliorare la tua fotografia sotto l’aspetto artistico hai la necessità di uno strumento più versatile.

Con questo articolo non voglio farti una lista di spiegazioni tecniche sui vari modelli di fotocamere che ci sono in commercio, per quello ci sono dei siti specializzati che elencherò alla fine di questo articolo, ma quello di evitarti l’errore di acquistare una fotocamera che non è adatta alle tue necessità.

Prima di iniziare, specie se è la prima volta che leggi il mio blog, ti vorrei suggerire di iscriverti alla newsletter. I motivi ti possono sembrare banali, ma in realtà iscrivendoti riceverai prima di tutto, e gratuitamente, delle guide per apprendere alcune tecniche fotografiche. Per secondo, riceverai settimanalmente dei consigli e suggerimenti fotografici rivolti esclusivamente a chi è iscritto. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ »

scegliere la fotocamera

ANCHE I PROFESSIONISTI HANNO FATTO SCELTE SBAGLIATE

Ora sono un fotografo professionista, ma ricordo come ieri l’acquisto della mia prima fotocamera digitale. Riesco ancora a ricordare il modello: Panasonic FZ2. Ti rendi conto che questa fotocamera aveva un sensore di soli 2 megapixel!? Ma che foto ragazzi, e sono ancora memorizzate nei miei hard-disk.

I ricordi legati a quella macchina fotografica digitale sono molti. Ho affrontato i primi passi nella fotografia proprio con questa fotocamera e cominciavo a mettere in pratica i primi concetti tecnici esplorando i comandi manuali, ma è pur vero che questa fotocamera aveva molti limiti. E di questo me ne sono accorto abbastanza presto.

Al tempo esistevano già le reflex digitali, a pensarci bene Canon aveva anche lanciato la sua famosissima 300D, la prima reflex digitale a basso costo con sensore fotocamera CMOS, tuttavia non sono bastati i limiti che ho riscontrato anche da solo a fare i miei errori successivi…

Meno di un anno dopo infatti ho acquistato una stupenda Minolta DiMAGE A1, come vedi anche di questa mi ricordo molto bene il nome e modello anche se sono passati oltre 12 anni.

Niente da dire sulla fotocamera, per il suo target la Minolta (che vive ancora sotto il marchio SONY che l’ha acquisita) era straordinaria e con funzioni che ancora oggi le fotocamere reflex digitali non hanno, tuttavia è stata un errore anche questa.

Non era una macchina fotografica digitale adatta a me, che non cercavo solo uno strumento per fare foto ricordo, ma cercavo qualcosa che non mi limitasse dal punto di vista creativo.

Solo successivamente, grazie a tanti errori e tempo perso, ho deciso di scegliere la fotocamera più importante della mia carriera fotografica probabilmente. Ho acquistato la mia prima Reflex Digiale, la Pentax *ist DS.

Il resto è storia. Sono poi passato a Canon con la quale sono stato per parecchi anni fino ad arrivare ad oggi con la Fuji X-T1.

Ogni esperienza è utile, su questo ci credo, ma ho voluto raccontarti questa storia solo perché ho un unico rimpianto! Quello di non aver trovato nessuno che mi avesse detto fin dall'inizio “lascia stare la FZ2 e la A1… prenditi subito una fotocamera reflex”. Avrei indubbiamente perso molto meno tempo, e forse avrei anche risparmiato parecchi soldi.

Non voglio che anche tu faccia questa serie di errori.

Nelle prossime righe ti darò tutte le informazioni per capire quali sono le tue tipologie di fotocamere che devi tener in considerazione, quali evitare (anche se costano meno) in modo che tu possa fare l’acquisto più idoneo alle tue necessità.

Prima di continuare ti chiedo un piccolo favore. A te non costa nulla, mentre a me serve per migliorare la visibilità di questo post condividendo questo articolo.

zoom

RICONOSCERE LE MACCHINE FOTOGRAFICHE DIGITALI

Devi riconoscere le tipologie di fotocamera, non di modelli. Questo è quello che conta.

Esteticamente le fotocamere possono essere molto simili tra loro, le compatte sono facili da individuare perché sono “portatili” e talmente piccole da stare in un marsupio o taschino, anche se ora le Mirrorless possono confondersi con qualche compatta evoluta.

Quelle che però traggono più in inganno gli inesperti o nuovi appassionati di fotografia, sono le fotocamere che assomigliano a delle REFLEX (o più comunemente “a quelle che usano i professionisti”).

PRIMI PASSI PER SCEGLIERE LA FOTOCAMERA

Un passo per volta, non voglio complicarti le cose. Le fotocamere si differenziano tra loro principalmente per 2 aspetti:

  • dimensioni del sensore fotocamera
  • la possibilità di intercambiare gli obiettivi (lenti)

Se fai attenzione a questi due aspetti nessuno potrà mai rifilarti qualche modello di fotocamera non adatto alle tue esigenze (non sempre inferiore, ma potrebbe anche essere eccessivamente superiore, quindi costoso) oppure fare una scelta sbagliata inconsciamente.

DIMENSIONI DEL SENSORE FOTOCAMERA

Anche se è un’affermazione che va presa un po’ con le pinze, devi partire dal presupposto che generalmente più grande è il sensore della fotocamera e migliore sarà la qualità d’immagine che ottieni, quindi:

  • le fotocamere compatte hanno un sensore digitale molto piccolo (non tenerle nemmeno in considerazione).
  • le reflex e mirrorless hanno invece un sensore più grande — chiamato APS
  • sempre le reflex e mirrorless possono avere un sensore ancora più grande, chiamato FullFrame
  • Panasonic ed Olympus usano un sensore diverso, definito Micro 4/3 (paragonabile al formato APS)

Di solito la verità sta sempre nel mezzo e casca a puntino anche per questo esempio; io ti consiglio di rivolgere l’attenzione alle fotocamere che hanno un sensore APS, in modo da avere una qualità di immagine enormemente superiore a quello di una compatta ma molto vicino al più costoso FullFrame. Se poi vuoi prenderti una FullFrame di certo non sbagli, solo che ti costerà di più.

CAMBIARE OBIETTIVI

L’altro aspetto che fa la differenza, dal punto di vista qualitativo e resa, è la possibilità di intercambiare gli obiettivi (o lenti). Lo zoom 12x integrato nella mia Panasonic FZ2 era molto comodo, ma ora non saprei fare a meno della qualità degli obiettivi intercambiabili.

Scegliere una fotocamera che ti permette di cambiare l’obiettivo in base alle tue necessità è molto utile perché se in futuro acquisti un obiettivo molto costoso, ma performante e di qualità, questo rimarrà tale anche fra 10 anni. Non soffre di obsolescenza (ovvero perdita di prestazioni rispetto ai nuovi modelli prodotti) come succede invece per la fotocamera.

Dall’altro lato puoi anche acquistare un obiettivo specifico, magari per il reportage se quella è la tua passione, o uno specifico per la fotografia macro. Con la possibilità di intercambiare gli obiettivi hai in pratica modo di crearti il kit ideale per i tuoi specifici interessi, ed eventualmente adeguarti se nel corso del tempo cambiano.

Questo aspetto però va in secondo piano, perché ci sono delle fotocamere con sensore APS (quindi buono e valido) che hanno un obiettivo fisso non intercambiabile, ma che offrono una qualità di immagine elevata.

COME GUARDARE LE VETRINE CON I PRODOTTI IN MOSTRA

Ora hai bene o male capito le due cose fondamentali da tenere in considerazione per scegliere la fotocamera, ma le vetrine dei centri commerciali sono veramente complicate! Quanti modelli ci sono? Troppi secondo me!

Ecco le cose che devi tenere a mente quando sei davanti alla vetrina e vuoi capire che tipo di fotocamere hai davanti, oppure saper cosa chiedere all’impiegato del reparto che vuole darti una mano nell’acquisto.

MACCHINE FOTOGRAFICHE COMPATTE

(foto sopra): sono quelle piccole, portatili e che stanno in un taschino di una camicia. La maggior parte di queste non hanno comandi manuali, al massimo qualche impostazione. Te le sconsiglio perché, se da un lato sono decisamente portatili, dall’altro non ti danno margine creativo oltre ad avere un sensore ed ottica di piccole dimensioni che ne compromette la qualità.

Fotocamera digitale compatta evoluta (foto sopra): sono delle fotocamere un po’ più grandi delle compatte, ma che dispongono di comandi manuali pari ad una reflex. Dispongono in genere di uno zoom molto spinto. Te le sconsiglio perché, se da un lato hanno tutti i comandi manuali, dall’altro sono pur sempre delle fotocamere con un sensore di una compatta. Ti possono dare qualche soddisfazione, ma presto ne riscontrerai i limiti.

Fotocamere bridge

MACCHINE FOTOGRAFICHE BRIDGE

La macchina fotografica bridge (foto sopra) è una delle fotocamere che esteticamente sembrano delle REFLEX come quelle in uso ai professionisti. Le puoi riconoscere dal fatto che, pur sembrando delle reflex, non ti permettono di intercambiare l’obiettivo e dispongo di zoom molto spinti (10x, 12x, 26x). Nel dubbio puoi chiedere al commesso/impiegato o ricercare nelle caratteristiche tecniche se è dotata di sensore APS o 4/3 (quattro terzi, sempre un formato simile all’APS). Se non dispongono di questo sensore o sono dotate di sensore 2/3, cosa probabile, sei difronte ad una Bridge, ovvero una fotocamera che sembra una reflex ma ha il sensore della compatta. Sono quindi da evitare perché ne riscontrerai presto i limiti come per una compatta evoluta.

MACCHINA FOTOGRAFICA REFLEX

(foto sopra): ne esistono di vari tipi possono essere economiche o estremamente costose (come quelle che usano i professionisti), ma il principio di funzionamento e la qualità dell’immagine grossomodo è la stessa. Le riconosci perché permettono di cambiare l’obiettivo e sono dotate di sensore APS oppure FullFrame. In entrambi i casi queste due informazioni sono indicate chiaramente nella confezione (o basta che che chiedi all’impiegato del reparto). Se sono chiamate “reflex” non può essere altrimenti. Questa è una delle fotocamere che ti consiglio di prendere. La marca o modello a tua discrezione, anche se consiglio sempre di rimanere sulle marche più diffuse (Canon/Nikon).

Fotocamera mirrorless ad ottica fissa (foto sopra): queste fotocamere possono trarti in inganno. Sono delle fotocamere che esteticamente sembrano delle grosse compatte, o delle piccole reflex senza la possibilità di intercambiare gli obiettivi. Le puoi distinguere principalmente per il fatto che dispongono di un sensore APS, quindi come quello in uso nelle reflex, (lo trovi indicato nella scheda tecnica) e per il fatto che costano parecchi soldi (spesso quanto una reflex). Possono essere una scelta saggia se non è tuo interesse investire nell’acquisto di obiettivi intercambiabili ma cerchi una fotocamera di altissima qualità. Attualmente tra le migliori c’è la Fujifilm 100T (in foto).

Fotocamera mirrorless ad ottica intercambiabile (foto sopra): queste fotocamere, come le precedenti, sembrano delle grosse compatte o piccole reflex, ma dispongono di un sensore APS oppure 4/3 come quella in foto e permettono anche di intercambiare le ottiche. Queste sono fotocamere che in tutto e per tutto hanno una resa e versatilità identica a quella di una reflex, e sempre più spesso vengono usate dai professionisti. Ovviamente te le consiglio e tra i produttori ci sono Fujifilm, Olympus, Sony e Panasonic e tanti altri che magari mi sfuggono.

QUALE SCEGLIERE

zoom

Un po’ dipende dai tuoi obiettivi ed uso che vuoi farne. Dato per scontato il fatto che ti rivolgerai ad una fotocamera con sensore APS oppure 4/3, personalmente ti consiglierei di adottare una fotocamera con obiettivi intercambiabili in modo da avere la possibilità — in futuro — di acquistare un obiettivo diverso e magari più idoneo al tuo genere fotografico. Quindi sto parlando di una Reflex oppure Mirrorless.

D’altro canto però, un sistema che prevede di intercambiare le ottiche, è più ingombrante e pesante. Quante volte hai lasciato a casa la fotocamera per il peso e dimensioni eccessive?

Per questo motivo ha senso anche l’acquisto di una fotocamera mirrorless ad ottica fissa, come la Fuji X100 ad esempio, che risulta molto compatta e portatile garantendo tuttavia una qualità di immagine sorprendente. Tengo anche in considerazione che generalmente il 90% delle persone che acquista una reflex digitale, perché magari si appassiona alla fotografia, non investe poi negli anni successivi nell’acquisto di ottiche più performanti. Quindi siamo tutto sommato difronte allo stesso tipo di utilizzo.

MARCHE

Prima ho accennato al fatto che ti consiglio di rivolgerti a marche note, come Canon o Nikon. Se fai una richiesta in un forum probabilmente ottieni dei pareri che propendono verso una marca o verso l’altra, senza citare chi ti suggerirà anche Sony, Pentax, Samsung ecc… E questo ti crea ancora più confusione.

Se parliamo di REFLEX, io consiglio sempre CANON o NIKON semplicemente per il fatto che dispongono di un parco ottiche e di fotocamere che possono soddisfare sia l’appassionato che il professionista.

Questo è da tenere in considerazione perché se in futuro vorrai passare ad uno step successivo, in fatto di attrezzatura tecnica, queste due marche non ti daranno limiti.

Altre marche, tipo Pentax ad esempio, produce indubbiamente delle buone reflex, ma se in futuro necessiti di qualche prodotto di fascia rivolta all’ambito professionale potresti trovarti un po’ in difficoltà o addirittura essere costretto a vendere tutto per acquistare un nuovo corredo Canon o Nikon.

Valuta bene questo aspetto, non voglio assolutamente criticare PENTAX o altre marche non citate, fanno ottimi prodotti, ma pensa al futuro.

Se parliamo di MIRRORLESS, le marche leader nel settore sono FUJIFILM, OLYMPUS, PANASONIC e SONY. Come vedi non ci sono le due marche leader nel campo REFLEX, un’anomalia del mercato secondo tanti fotografi.

Personalmente ho adottato il sistema MIRRORLESS perché mi piacciono le dimensioni ridotte pur mantenendo una qualità fotografica elevata.

FONTI ON-LINE

Di seguito ti porto alcuni link a siti che possono tornarti utili per vedere le caratteristiche delle fotocamere, obiettivi e fare anche dei confronti diretti.

Confronti fotocamere:

Confronti obiettivi:

// Active Campaign